Mondiali 2018, Russia ai quarti: 5-4 alla Spagna ai rigori. Decisiva la parata di Akinfeev su Iago Aspas (HIGHLIGHTS e PAGELLE)

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 luglio 2018 18:54 | Ultimo aggiornamento: 1 luglio 2018 19:58
Mondiali 2018, Russia ai quarti: 5-4 alla Spagna ai rigori. Decisiva la parata di Akinfeev su Iago Aspas (HIGHLIGHTS e PAGELLE)

Mondiali 2018, Russia ai quarti: 5-4 alla Spagna ai rigori. Decisiva la parata di Akinfeev su Iago Aspas (HIGHLIGHTS e PAGELLE) EPA/ABEDIN TAHERKENAREH

MOSCA – Spagna-Russia 4-5 ai rigori, gol: Ignashevich autogol al 12′, Artëm Dzjuba al 41′ su rigore. Ai rigori hanno segnato Smolov, Denis Cheryshev, Ignashevich, Golovin, Iniesta, Piqué e Sergio Ramos. Decisivi gli errori di Koke e Iago Aspas [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play].

Russia ai quarti di finale del Mondiale di casa grazie al successo per 5-4 contro la Spagna dopo i calci di rigore. Decisive le parate di Akinfeev su Koke e Iago Aspas. Si tratta di un risultato storico perché la Russia, da quando non gareggia più come URSS, non si era mai classificata tra le prime otto del mondo.

Pronti via e la Spagna è passata in vantaggio sulla Russia grazie a una autorete clamorosa di Ignashevich. Il 38enne difensore centrale, nel tentativo di anticipare Sergio Ramos, ha insaccato la sfera alle spalle del suo portiere con un colpo di tacco. Dopo il vantaggio, la Spagna ha cercato di gestire il risultato con il suo famoso tiki taka, possesso palla prolungato, senza affondare alla ricerca del raddoppio. La Russia non ha accettato il risultato, ha reagito, e ha punito la Spagna su una palla ferma. Sugli sviluppi di un calcio d’angolo in favore della Russia, Pique si è sostituito al suo portiere e ha “parato” un colpo di testa di Dzjuba. Nell’epoca del var, è stato inevitabile assegnare il calcio di rigore alla Russia. Dagli undici metri si è presentato Dzjuba. Il centravanti ha segnato ed è salito a quota tre gol nella classifica marcatori dei Mondiali 2018. Dzjuba ha esultato con il saluto militare esaltando i tifosi di casa. Nella ripresa la Spagna non è riuscita ad affondare. Gli ingressi di Aspas e Iniesta hanno dato maggiore vivacità alle Furie Rosse ma il muro russo ha retto e si è andati ai tempi supplementari. Nel corso degli extra time, ha vinto la paura. Un’unica occasione da gol, la conclusione di Rodrigo ben parata da Akinfeev, e poco altro. Le due squadre sono arrivate così ai calci di rigore. La Spagna ha segnato con Iniesta, Piqué e Sergio Ramos. La Russia ha realizzato con Smolov, Denis Cheryshev, Ignashevich e Golovin. Sono stati fatali alla Spagna gli errori di Koke e Iago Aspas. Entrambi i rigori sono stati parati da Akinfeev.

Spagna-Russia 4-5, i rigori

41′ Spagna-Russia 1-1, gol di Dzjuba su calcio di rigore. Il calciatore russo ha esultato con il saluto militare. Il rigore è stato assegnato per un fallo di mano di Gerard Pique su colpo di testa dello stesso Dzjuba.

12′ Spagna-Russia 1-0, autogol di Ignashevich. Il difensore centrale della Russia, nel tentativo di anticipare Sergio Ramos, ha insaccato la sfera alle spalle del suo portiere con uno spettacolare colpo di tacco.

Spagna-Russia, le pagelle della partita

Spagna – De Gea 5.5; Nacho 6, Piqué 4.5, Ramos 6, Jordi Alba 6; Koke 4.5, Busquets 5.5; Silva 4.5, Isco 6, Asensio 5; Diego Costa 4.5. Iniesta 5.5, Carvajal 5.5, Aspas 4.5 e Rodrigo 5.5.

Russia – Akinfeev 8, Fernandes 6.5, Kutepov 6.5, Ignashevich 7, Kudriashov 6, Kuziaev 6, Zobnin 6, Golovin 7, Zhirkov 6, Samedov 6, Dzyuba 7.5. Granat 6, Smolov 7, Cheryshev 7 e Erokhin 6.

CLICCA QUI per il tabellone completo dei Mondiali.

Tutti i gironi dei Mondiali:

  • Gruppo A: Russia, Arabia Saudita, Egitto e Uruguay.
  • Gruppo B: Portogallo, Spagna, Marocco e Iran.
  • Gruppo C: Francia, Australia, Perù e Danimarca.
  • Gruppo D: Argentina, Islanda, Croazia e Nigeria.
  • Gruppo E: Brasile, Svizzera, Costa Rica e Serbia.
  • Gruppo F: Germania, Messico, Svezia e Corea del Sud.
  • Gruppo G: Belgio, Panama, Tunisia e Inghilterra.
  • Gruppo H: Polonia, Senegal, Colombia e Giappone.