Stipendi Italia, Abete a Calderoli: “Eventuali premi arriveranno dalla Fifa”

Pubblicato il 7 Giugno 2010 12:04 | Ultimo aggiornamento: 7 Giugno 2010 12:04

Giancarlo Abete

«È un dibattito più di politica che di sport in senso stretto, noi siamo in linea con la politica di gestione dei costi del Coni e su questa linea vogliamo andare avanti».

Così il presidente della Figc Giancarlo Abete, interviene sulla polemica innescata dal ministro della Semplificazione legislativa Roberto Calderoli (ridurre i premi alla Nazionale per fronteggiare la crisi), spiegando che «eventuali premi derivano dalla risorse ricavate dalla Fifa e non avrebbero nessun aggravio sul bilancio dello Stato. Sul problema dei premi – aggiunge Abete ai microfoni di Radio Anch’io lo sport – non si è assolutamente parlato, è un problema che onestamente non è stato affrontato».

«La federazione – assicura il presidente della Figc – è molto attenta alla gestione del bilancio federale. La dirigenza sportiva è molto attenta agli emolumenti e abbiamo sempre dato il buon esempio». Per quanto riguarda l’allarme sicurezza in Sudafrica «c’è una attenzione notevole – ha spiegato Abete – noi siamo molto tranquilli e sappiamo che tutto quello che è possibile fare sarà fatto».