Strakosha che papera in Turchia-Albania… VIDEO

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 12 Ottobre 2019 17:55 | Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre 2019 17:55
Strakosha papera video YouTube Albania Turchia Tosun gol

La papera di Strakosha in Turchia Albania (da YouTube)

ISTANBUL (TURCHIA) – Serata da dimenticare per Thomas Strakosha. L’Albania ha perso di misura sul campo della Turchia per colpa di una papera del portiere della Lazio al 90′. Se avesse commesso questa papera prima sarebbe stata ugualmente grave ma avrebbe dato la possibilità alla sua squadra di recuperare il risultato. Avendola commessa al 90′,non ha dato alcuna chances ai suoi compagni di squadra di rientrare nel match. 

Ma cosa ha fatto esattamente Strakosha? E’ uscito a vuoto e ha regalato a Tosun, centravanti della Turchia, il più facile dei gol a porta vuota. Un regalo che non si aspettava nessuno tra i turchi. Per colpa di questa papera, la Turchia è riuscita a vincere per 1 a 0 contro l’Albania. 

Al termine del match, Strakosha ha voluto metterci la faccia nel corso di una intervista rilasciata a gazetainfokus.com. Il portiere albanese ha ammesso l’errore, si è scusato con i compagni di squadra e con i tifosi dell’Albania e ha raccontato cosa è successo dopo il fischio finale della partita. 

“Ci tengo a scusarmi per il mio errore. Gioco in un campionato importante come quello italiano, ho già maturato una certa esperienza, non dovevo commettere un errore del genere. Per me è importante scusarmi perché con questo errore non ho aiutato la mia squadra, anzi l’ho costretta alla sconfitta. 

I miei compagni di squadra sono stati molto carini con me visto che mi hanno rincuorato. Nello spogliatoio non si è parlato del mio errore perché le partite comunque vanno valutate sulla base della prestazione di tutta la squadra. Il calcio è uno sport di squadra. 

Cosa mi ha detto mio padre dopo la partita? Ci siamo sentiti al telefono come sempre. Ovviamente anche lui era consapevole del mio errore ma non ha senso continuare a pensarci. Dobbiamo guardare avanti. Dovrò essere bravo a riscattarmi nella prossima partita”.