VIDEO YOUTUBE-Tavecchio razzista? “Lontano da gay e ebrei..”

di redazione Blitz
Pubblicato il 1 Novembre 2015 8:59 | Ultimo aggiornamento: 1 Novembre 2015 9:48
Tavecchio contro gay e ebrei. Ma lui: "Mi ricattano"

Carlo Tavecchio

ROMA – Carlo Tavecchio, presidente della Federcalcio, contro ebrei e gay. L’audio attribuito a Tavecchio è diffuso dal Corriere della Sera on line:

1. “Non ho niente contro gli ebrei, ma meglio tenerli a bada”.

2. “Tenete lontano da me gli omosessuali”.

Carlo Tavecchio nega tutto e si dice vittima di un ricatto, meglio sarebbe dire di una vendetta. Solo una perizia potrà stabilire la verità. Se si tratta di un fake, Carlo Tavecchio certaente querelerà e la perizia audio sarà decisiva. Se quelle parole le avrà effettivamente dette, allora sarà un nuovo problema d’immagine non solo per il calcio per tutta l’ Italia.

Le parole incriminate il presidente della Federcalcio Carlo Tavecchio le avrebbe pronunciate rispondendo alle domande di Massimiliano Giacomini, direttore del quotidiano online Soccerlife. Era lo scorso giugno ma solo ora il file audio di quella intervista è stato affidato da Giacomini al Corriere della Sera, in esclusiva. “Parole troppo forti per non essere pubblicate – ha detto Giacomini – meglio ancora se sul Corriere, per dare loro una cassa di risonanza maggiore”.

Può apparire strano che, come riferisce lo stesso direttore Massimiliano Giacomini, se ne sia accorto soltanto ora. Il Corriere è andato a sentire anche l’altra campana e ha chiesto conto a Tavecchio di quelle parole “forti”. “Sono vittima di un ricatto“, ha replicato lui asserendo di non ricordare e che la conversazione “potrebbe essere stata manipolata”. Poi ha aggiunto:

“Ho incontrato una persona che conosco da tempo, alla quale non ho concesso, come invece chiedeva, finanziamenti per la sua attività editoriale e la possibilità di utilizzare la Federazione come veicolo per ottenere contributi europei. Ho ottimi rapporti con la Comunità ebraica, non solo di natura sportiva, e ho sostenuto la posizione di Israele nell’ultimo Congresso della Fifa. Ogni tentativo di screditarmi e calunniarmi attraverso metodi illeciti, che rispondono a metodologie oggi purtroppo assai diffuse, sarà perseguito nelle sedi opportune”

Le parole “incriminate” sono rivolte contro il nuovo proprietario della sede della Lega Nazionale Dilettanti, che l’ha comprata, “quell’ebreaccio di Cesare Anticoli”.

Nella registrazione pubblicata dal Corriere della Sera si sente anche un soggetto maschile che il giornale afferma essere Tavecchio dire di un ex dirigente della Federazione: “Ma è vero che è omosessuale? Io non ho nulla contro, però teneteli lontani da me. Io sono normalissimo”.

Carlo Tavecchio non è nuovo a certe esternazioni. Basti pensare alle “donne handicappate nel calcio” e a “Optì Pobà e i neri mangiatori di banane”.

La parodia di Maurizio Crozza: