Tottenham-Liverpool, invasione campo donna in bikini: FOTO

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 1 Giugno 2019 21:33 | Ultimo aggiornamento: 25 Luglio 2019 10:38

MADRID – Al 17′ di Tottenham-Liverpool, sul risultato di uno a zero per la squadra allenata da Jurgen Klopp, la finale di Champions League è stata fermata per circa un minuto per una invasione di campo di una donna in bikini. La tifosa è stata fermata dal servizio d’ordine dello stadio Wanda Metropolitano di Madrid e la situazione è tornata alla normalità.

Grandi sorprese nella formazione titolare del Tottenham. Mauricio Pochettino spedisce in panchina Lucas Moura, eroe della semifinale contro l’Ajax, per rilanciare dal primo minuto il rientrante Harry Kane, centravanti della Nazionale Inglese di calcio.

Molti pensavano che Pochettino avrebbe confermato la fiducia a Lucas Moura dopo la tripletta contro l’Ajax che è valsa la finalissima agli Spurs ma il tecnico argentino lo ha spedito in panchina inserendo nella formazione titolare Kane, giocatore reduce da un lunghissimo infortunio.

Pochettino avrebbe potuto giocare anche con le due punte ma ha preferito schierare tre trequartisti alle spalle di Harry Kane. Pochettino ha deciso di schierare il suo Tottenham con il 4-2-3-1. Tra i pali, fiducia al portiere della Francia campione del mondo Hugo Lloris.

Davanti a lui, difesa a quattro con Trippier e Rose terzini e Alderweireld e Vertonghen al centro della difesa. Sissoko e Winks sono stati schierati in un centrocampo a due a protezione della difesa. Le tre mezze punte dietro a Harry Kane sono Dele Alli, Eriksen e Son. In avanti, Harry Kane agisce da unica punta.

Il Liverpool non fa esperimenti ma anche qui non mancano le sorprese perché Origi, autore di due gol nella rimonta storica contro il Barcellona, è stato spedito in panchina da Jurgen Klopp. Il tecnico tedesco schiera il Liverpool con il 4-3-3, modulo di zemaniana memoria.

Tra i pali, largo al portiere più forte del mondo, il brasiliano Alisson Becker. Davanti a lui difesa a quattro con Robertson e Alexander Arnold sugli esterni e van Dijk e Matip al centro della difesa.

Centrocampo a tre con Fabinho, Henderson e il “bomber” Wijnaldum, autore di una doppietta nella semifinale di Champions contro il Barcellona.

Tridente delle meraviglie con Momo Salah, Bobby Firmino e Sadio Mané. Klopp ha spedito in panchina Origi perché il titolare, Firmino, ha recuperato dal suo infortunio.