Totti, Nainggolan e Pellegrini e la promozione involontaria dei “cani rari” venduti ai vip a cifre folli

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 Giugno 2020 17:09 | Ultimo aggiornamento: 14 Giugno 2020 17:43
Totti, Nainggolan e Pellegrini caduti nella truffa dei 'cani rari' venduti ai vip a cifre folli

Totti, Nainggolan e Pellegrini caduti nella truffa dei ‘cani rari’ venduti ai vip a cifre folli (foto Ansa)

ROMA – Francesco Totti, Radja Nainggolan e Pellegrini e i “cani rari”. Cuccioli di bulldog francese spacciati come variante rara che in realtà erano dei meticci..

Tutto questo perché avevano un manto di colori esotici tipo blu, grigio e lilla.

 Per questo erano venduti a prezzi molto alti, anche 3.500 euro, ma erano semplici meticci.

Determinante, per la loro promozione, il ruolo involontario di  vip come Pellegrini, Totti e Nainggolan, dei quali la consegna dei cuccioli o momenti di intrattenimento con gli animali venivano fotografati e documentati con post.

A delineare il quadro è la Procura di Ravenna che, come riporta la stampa locale, ha fatto scattare il sequestro preventivo per alcune pagine web.

Le pagine erano riconudicbili ad uno società slovacca che, hanno scoperto gli inquirenti, ha sede in un capannone abbandonato.

Il provvedimento, emesso dal Gip di Ravenna è stato confermato dal Tribunale della città romagnola.

Quest’ultimo ha rigettato la richiesta di riesame delle due persone indagate per frode commerciale in concorso.

Si tratta di un 35enne di Roma e la convivente, una coetanea slovacca.

Per fortuna per questi vip non ci sono solo brutte notizie.

Radja Nainggolan è al centro di diverse trattative di calciomercato, mentre Totti ha ingaggiato il suo primo assistito: il baby Bonavita dell’Inter.

Anche se Totti non ama definirsi un procuratore ma piuttosto un talent scout. Lo ha riferito lui stesso nel corso di una intervista rilasciata tempo fa a Diletta Leotta per Dazn.

“Ma non farò il procuratore, ormai quella è una parola passata. Farei lo scouting: perlustrerei per scoprire qualche giovane promettente.

Se io fossi il procuratore di un Totti venticinquenne? Sicuramente non giocherebbe alla Roma – ammette l’ex numero dieci ai microfoni di Dazn -. A venticinque anni già se lo sarebbero comprato (ride, ndr). Penso che farebbe fatica a rimanere così a lungo alla Roma”.

Tornando a Nainggolan, il belga potrebbe tornare all’Inter o alla Roma. Difficile la sua permanenza al Cagliari. Il Ninja interessa molto anche all’Atalanta (fonte Ansa).