I fedelissimi del gol: Totti primo, poi Nordahl e Meazza

Pubblicato il 22 Gennaio 2012 12:59 | Ultimo aggiornamento: 22 Gennaio 2012 12:59

I fedelissimi del gol da Mediaset Premium

ROMA – La Roma dilaga contro il Cesena, coglie la quarta vittoria consecutiva in campionato, e festeggia l’ennesimo record del suo capitano, Francesco Totti; l’attaccante giallorosso, con la doppietta realizzata alla squadra di Arrigoni, ha raggiunto quota 211 gol in serie A con la stessa maglia, superando il record che fu di Gunnar Nordahl, che ne aveva segnati 210 con quella del Milan. ”Record da brividi? Si’, e’ quello che ho sempre voluto: indossare sempre la stessa maglia e battere record su record.

Giocando cosi’ possiamo andare lontano – le parole del numero 10 -. Questa doppietta la dedico a mia cognata che ha partorito due giorni fa e alle vittime della Costa Concordia”. In tribuna, ad applaudire Totti, da cui prima della gara aveva ricevuto la maglia in regalo, c’era anche Sara, la ragazza che era a bordo della Concordia e che, volendo seguire la partita della Roma col Catania, aveva deciso di occuparsi in anticipo di alcune riprese che doveva realizzare per lavoro. Una coincidenza che le ha permesso di non trovarsi a riposare in cabina al momento della disgrazia e quindi di salvarsi la vita.

Non si e’ salvato dalla brutta figura invece il Cesena, uscito con un pesante 5-1 dallo stadio Olimpico. Ovviamente soddisfatto da risultato e prestazione della squadra il tecnico della Roma, Luis Enrique: ”Questo il mio calcio fatto di gol e spettacolo? Non e’ solo il mio, piace a qualsiasi allenatore, diverte i giocatori, e ti permette di avere maggiori opportunita’ di vincere le partite”. ”Col Cesena la partita e’ sembrata facile perche’ siamo stati quasi perfetti all’inizio, il primo tempo e’ stato bellissimo- ha poi spiegato l’asturiano -. Abbiamo tenuto un livello altissimo e per questo alla fine c’e’ stato questo risultato”.

Elogi naturalmente per Totti: ”Francesco e’ un giocatore di una qualita’ diversa, che puo’ segnare in ogni momento. Oggi ne ha fatti due e ha giocato una gara bellissima. Il record? I numeri parlano da soli, sono da grande campione, lui vuole continuare a essere un punto di riferimento per tutti”. E, soprattutto, Totti ha intenzione di superare Nordahl anche nella classifica generale dei goleador di ogni tempo in Serie A. Per riuscirci dovra’ prima sorpassare Altafini e Meazza, appaiati a 216 reti, e poi puntare lo svedese a quota 225.

”Davanti ho ancora due anni e mezzo e, senza voler fare il presuntuoso, arrivero’ a superare Nordahl prima della fine della carriera” la convinzione del capitano romanista che vede fuori portata solo Piola con 274 reti.     A complimentarsi con l’ennesimo traguardo tagliato da Totti e’ stato anche Daniele Arrigoni: ”Lo conosciamo tutti, e’ uno dei giocatori piu’ forti degli ultimi vent’anni. E poi, da quando ha ricominciato a giocare, la Roma sta andando molto meglio”. E il pesante ko del Cesena ne e’ la dimostrazione.

”Dopo 8′ minuti avevamo gia’ perso, ma non perche’ e’ partita forte la Roma, ma perche’ ci siamo fatti gol da soli – le parole del tecnico -. Non ho avuto la sensazione che ce la siamo giocata, dopo 8′ minuti era gia’ finita. Nel primo tempo, se avessi potuto, non avrei cambiato solo Mutu, ma tanti altri”. ”Forse ho preparato male la partita – ha quindi ammesso Arrigoni -. Quando si va sotto in questa maniera, non toppa il singolo ma tutta la squadra, compreso l’allenatore. Questa non e’ stata una partita”.