Tour de France, sospetti di doping: avviata indagine a Marsiglia

di Redazione Blitz
Pubblicato il 21 Settembre 2020 19:43 | Ultimo aggiornamento: 22 Settembre 2020 9:18
Tour de France, sospetti di doping: avviata indagine Marsiglia

Tour de France, sospetti di doping: avviata indagine a Marsiglia (foto archivio Ansa)

Tour de France, sospetti di doping: avviata indagine preliminare a Marsiglia.

 La procura di Marsiglia ha aperto un’indagine preliminare per sospetti di doping nei confronti di una squadra che ha partecipato al Tour de France, ha annunciato il procuratore alla Afp.

    Giorni fa la gendarmeria aveva perquisito le camere di albergo di Nairo Quintana e del suo team, la Arkéa-Samsic.

    Secondo il procuratore, che non ha fatto citato la squadra, sarebbero stati scoperti “molti prodotti sanitari, tra cui farmaci, e soprattutto un metodo che potrebbe essere qualificabile come doping”. 

Il trionfo di Pogacar.

Tadej Pogacar, il giorno prima di compiere 22 anni, ha vinto il 107/o Tour de France di ciclismo.

 E’  il primo sloveno nella storia ed è anche la seconda maglia gialla più giovane di sempre.

La 21/a e ultima tappa della corsa francese, 122 chilometri che collegano Mantes-la-Jolie a Parigi, l’ha vinta allo sprint l’irlandese Sam Bennett.

Pogacar  è professionista dal 2019, in quell’anno ha vinto il Tour of California e tre tappe alla Vuelta a España, concludendo terzo e miglior giovane della corsa.

Nel 2020 ha vinto tre tappe e la classifica generale del Tour de France, diventando così il primo corridore sloveno a vincere la Grand Boucle e risultando il secondo più giovane di sempre ad aggiudicarsi la corsa dopo Henri Cornet (fonti Ansa e Wikipedia).