Genny ‘a carogna e i suoi fratelli: Sandokan, Diabolik, Bocia…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 5 Maggio 2014 8:40 | Ultimo aggiornamento: 5 Maggio 2014 10:25
0 padroni delle curve d'Italia tra camorra, affari e politica

Genny ‘a carogna, ultras del Napoli

ROMA – Da Roma a Napoli, da Milano a Torino. Quanti “Genny ‘a carogna” e “Gastone” ci sono? Ogni curva ha il suo capo. Ogni capo il suo territorio.

Ecco i padroni delle curve italiane:

Loris Grancini, capo dei Viking della Juventus, è considerato uomo vicino a Cosa nostra e alla cosca calabrese dei Rappocciolo.

Poi c’è il bocia, leader storico dei tifosi dell’Atalanta, Claudio “Bocia” Galimberti ha 42 anni e ha già collezionato una ventina di daspo.

Davide Rosci, 31 anni, è uno dei capi della curva del Teramo, “la più a sinistra d’Italia”. Arrestato a Roma nel 2011.

Fabrizio Fileni è capo ultras del Genoa: ordinò ai giocatori rossoblù di togliersi le maglie dopo la sconfitta col Siena.

Arrestato più volte per reati da stadio, Franco Caravita, fondatore dei Boys, è il ras della curva dell’Inter.

Giancarlo “Sandokan” Lombardi, capo della “Curva Sud” del Milan ha precedenti per rapina, lesioni, tentato omicidio.

Diego Piccinelli, del gruppo ultras Brescia 1911, è stato denunciato per aver aggredito un tifoso del Verona: ha il foglio di via.

Fabrizio Piscitelli, in arte Diabolik, ha 47 anni, è il leader degli Irriducibili nel Lazio. È in carcere per traffico di stupefacenti.

Michele Spampinato, 37 anni, ha subito il daspo ma ancora gestisce la curva del Catania. Nel 2008 fu accoltellato.