Under 21, Italia-Norvegia: streaming e diretta tv, dove vederla

di Redazione Blitz
Pubblicato il 22 marzo 2018 16:40 | Ultimo aggiornamento: 22 marzo 2018 16:40
Under 21, Italia-Norvegia: streaming e diretta tv, dove vederla

Evani, nuovo ct dell’Italia under 21, nella foto Ansa

PERUGIA – Sarà possibile seguire la gara under 21 tra Italia e Norvegia in diretta ed in esclusiva su Rai 2 alle ore 18.30. Chi vorrà vederla in streaming potrà usufruire del servizio offerto dall’applicazione Rai Play, disponibile su smartphone, tablet e pc.

Evani pronto al debutto

“Sono orgoglioso di lavorare per la Federazione, ho indossato la maglia azzurra da giocatore e adesso cerco di trasmettere la sua importanza ai ragazzi. Mi auguro che tutto possa andare nel miglior modo possibile. C’è sempre un avversario che farà di tutto per vincere ma noi metteremo qualcosa in più”.

Lo dice Alberico Evani, in vista della prima amichevole da tecnico dell’Under 21 in programma oggi contro la Norvegia a Perugia. “Spero di sfruttare questa opportunità nel miglior modo possibile – spiega a Rai Sport – Ci metto sempre passione ed esperienza a servizio dei ragazzi. Insieme cercheremo di giocare bene e ottenere dei buoni risultati. So di allenare una squadra di grande prestigio, fatta di tanti ragazzi che ho avuto negli anni precedenti e sanno cosa voglio. Quindi mi sento veramente sereno e tranquillo”.

Molti azzurrini hanno già avuto modo di lavorare con Evani in Under 20, tutti vedono la sua carriera come un esempio: “Ma quel che hai fatto da giocatore poi da allenatore conta poco. Hai ascendente su di loro, ma la stima dei ragazzi me la sono meritata lavorandoci assieme”, precisa Evani, con cui l’ex tecnico dell’Under 21 Di Biagio, oggi in nazionale maggiore, è rimasto in contatto: “Con Di Biagio ci sentiamo e ci confrontiamo, mi suggerisce e ci aiutiamo – ammette Evani – succedeva prima dalla 20 alla 21 e succede ancor più adesso che lui allena la maggiore”.

Quanto alla sfida contro la Norvegia, Evani promette: “È una squadra fisica e aggressiva, ma sono i principi tattici che contano più che il modulo. Dobbiamo essere padroni del campo. Cerri? Se non ha problemi dovrebbe partire dall’inizio, si gioca nella città della sua squadra ma se lo sta anche meritando con prestazioni e gol. Speriamo che qualche gol lo faccia anche per noi. Di Perugia ho un bel ricordo legato a un gol fatto di destro, che per me era rarissimo, contro la Fiorentina fatto qui in campo neutro”.