Valentino Rossi, Matteo Renzi lo chiama dal Perù

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Ottobre 2015 23:50 | Ultimo aggiornamento: 26 Ottobre 2015 23:50
Valentino Rossi, Matteo Renzi lo chiama dal Perù

Ansa

LIMA (PERU’) – Matteo Renzi ha chiamato Valentino Rossi. A confermare la telefonata avvenuta nella giornata di oggi, sono fonti di Palazzo Chigi. Il premier è impegnato in un viaggio istituzionale in Sud America: in queste ore si trova a Lima in Perù.

La telefonata tra il pilota marchigiano e il premier non è piaciuta al leader della Lega Nord Matteo Salvini che, ospite de “Il processo del lunedì” su Rai Tre, ha dichiarato che “Renzi si dovrebbe occupare dell’Italia”. Su quanto accaduto in pista, Salvini ha detto che Valentino Rossi ha sbagliato: ‘Io spero che Valentino Rossi vinca il mondiale, è un grande campione che emoziona, ma ha sbagliato”.

“L’episodio non l’ho visto ma mio figlio, che è l’appassionato di casa di motogp, dice che Valentino stavolta ha sbagliato, si è fatto tirare dentro dall’altro (Marc Marquez, ndr). Io tifo Rossi, ma ha sbagliato e si deve riconoscere”.

E del contestato contatto con Marquez durante la gara di motogp a Sepang parla anche Jovanotti: “Sono amico e fan di Valentino e lo considero il più grande sportivo della nostra generazione e un uomo, dal punto di vista dei valori sportivi, semplicemente pazzesco”.

“Tutti abbiamo visto come è andata – ha detto il cantante -, è abbastanza chiaro quello che è successo: prima le dichiarazioni dei giorni antecedenti alla gara e poi quelle immagini su cui c’è poco da dire perché mostravano una situazione lampante con una conclusione quasi scontata”.

Secondo Jovanotti, “i primi giri mostravano una situazione insostenibile e nel momento in cui Vale ha allargato la curva per rallentare l’attività e l’incursione legittima dell’avversario, ma decisamente oltre il limite, è successo quello che abbiamo visto e che è li da vedere. E’ un atteggiamento comune in alcuni esseri umani attaccare per poi fare la vittima, creare con tutte le forze una situazione e poi dichiararsi vittima della stessa situazione che si è creata?.è un brutto vizio degli esser umani”.

“Valentino è bravissimo, è un grandissimo sportivo, leale e giustamente vuole vincere – aggiunge Jovanotti – Io sono con lui e faccio il tifo per lui fino all’ultimo perché il campionato non è finito anche se questa storia gli ha causato una penalizzazione eccessiva, anzi ingiusta, secondo me proprio ingiusta! Ma penso che il campionato non sia finito! E comunque sia io sto con Valentino #forzaVale”.