Vasco ancora contro Nonciclopedia, per la battuta su Simoncelli

Pubblicato il 25 ottobre 2011 0:05 | Ultimo aggiornamento: 25 ottobre 2011 0:05

ROMA – Vasco Rossi si scaglia di nuovo contro Nonciclopedia, ma questa volta contro una battuta macabra sulla morte di Marco Simoncelli. Su Nonciclopedia resta visibile sulla cronologia del giorno 23 ottobre, domenica, questa frase: “Ennesima caduta per Marco Simoncelli. Ma ha promesso che questa è l’ultima”. Frase macabra che si va ad aggiungere all’iniziativa di qualcuno (non di Nonciclopedia) che ha pensato bene di far circolare su Facebook un fotomontaggio: un’immagine di Valentino Rossi con una didascalia che recita “Stai attento. Sono uno pericoloso. Ho già ucciso, sai?”.

Da lì è partita la reazione di Vasco, che sulla sua bacheca Facebook ha scritto: “I furbetti brufolosi ragazzi non sanno di avere trovato un vero nemico che ha solo tempo e denaro da spendere per andare fino in fondo a questa faccenda. Se è satira o diffamazione lo deciderà un tribunale. dopodichè i danni che chiederò (da devolvere in beneficenza) saranno molto alti. perchè i ragazzi(di nocupedia sono arroganti e perseveranti… nell’errore. qualcuno deve fermarli. (si tratta solo di accettare di cambiare sottotitolo alla piattaforma!) TOGLIERE SATIRA E METTERE VOMITO TOGLIERE IRONIA E METTERE ESISTENZIALE”.

Su Twitter è apparsa la risposta di Nonciclopedia: “Riguardo la flash su Sic, ognuno di voi è libero di giudicarla. Ma se pensate che qualcuno abbia riso leggendola, siete solo degli insulsi pecoroni idioti. L’humor nero, AL MASSIMO, serve per strappare un sorriso amaro e cerca di esorcizzare la morte. Non è detto che ci riesca con tutti: la morte per molta gente è un pesante TABÙ. Ripeto, “MOLTA”, non TUTTA. Fatevene una ragione”.