F1, Vettel e il sogno Ferrari: “E’ un team figo, ma è presto per parlarne”

Pubblicato il 18 luglio 2012 10:05 | Ultimo aggiornamento: 18 luglio 2012 10:22
Sebastian_Vettel_Red_Bull

Sebastian Vettel (LaPresse)

BERLINO (GERMANIA) – Sebastian Vettel, in una lunga intervista al quotidiano tedesco Bild, confessa di avere un sogno, la Ferrari. Il campione tedesco della Red Bull, però, esclude un possibile trasferimento alla scuderia di Maranello nel breve periodo: “Non ci sono segnali da parte mia, non ho firmato nulla e non ho promesso niente neanche con una stretta di mano”.

Certamente, ha aggiunto Vettel, guidare una Ferrari almeno una volta nella carriera è il sogno di tutti i piloti, ma “è troppo, troppo presto”: mancano ancora due anni alla scadenza del contratto con la Red Bull. A cinque giorni dal gran premio tedesco di Hockenheim, il pilota della casa austriaca ha definito “normale” avere contatti con Maranello: “Mi sento onorato che Stefano Domenicali o Luca Cordero di Montezemolo vedano in me un pilota Ferrari”.

Quello del cavallino rampante è “semplicemente un team figo, ma le cose devono essere incastrate al meglio per tutti”, ha chiosato Vettel, il cui contratto con la Red Bull scade alla fine della stagione 2014. Il campione tedesco ha detto di voler comunque restare fino ad allora: “Non penso affatto a una soluzione alternativa”. Potrebbe persino essere, ha aggiunto, “che nella mia carriera non corra per nessun altro, semplicemente perché non ci saranno condizioni migliori di quelle che mi offre Red Bull”.