“Bocia libero”, 2000 tifosi dell’Atalanta al corteo per il leader storico della Curva Nord

di Redazione Blitz
Pubblicato il 14 aprile 2019 16:35 | Ultimo aggiornamento: 14 aprile 2019 16:36
"Bocia libero", 2000 tifosi dell'Atalanta al corteo per il leader storico della Curva Nord

“Bocia libero”, 2000 tifosi dell’Atalanta al corteo per il leader storico della Curva Nord. Foto ANSA/ PAOLO MAGNI

BERGAMO – Manifestazione a Bergamo per reclamare la presenza sugli spalti di Claudio Galimberti, detto Bocia, leader storico della Curva Nord dell’Atalanta. Come scrive La Gazzetta dello Sport nella sua edizione online, circa duemila tifosi nerazzurri sono partiti dal piazzale della Malpensata per arrivare fino alla sede comunale di Palazzo Frizzoni per chiedere la revoca delle misure restrittive contro il Bocia, lontano dagli stadi da tempo e con 25 anni cumulati tra diffide, articolo 9 (divieto di vendita di biglietti ai condannati per reati connessi a manifestazioni sportive, nella fattispecie per un’amichevole estiva con la Triestina con condanna annullata) e l’ultimo dei Daspo sui cui pende un ricorso al Consiglio di Stato dell’11 aprile. E’ stata una manifestazione pacifica, non ci sono stati incidenti tra tifosi e forze dell’ordine.

Atalanta, Gasperini non si fida dell’Empoli: “E’ una signora squadra”.

“Ilicic è a posto, ci siamo tutti a parte Toloi”. Alla vigilia del match contro l’Empoli, Gian Piero Gasperini fa il punto sui due infortunati settimanali della sua Atalanta: il ginocchio sinistro dello sloveno è a posto, il brasiliano a causa della caviglia destra deve saltare la settima partita di fila.

“Quella di Rafael è una vicenda pesante, una calcificazione per cui a fine stagione probabilmente dovrà affrontare un intervento – spiega il tecnico dell’Atalanta -.
Farlo subito significherebbe comunque perderlo per le partite che rimangono. Se con le cure riesce a portarsi fino alla fine, meglio”.

Sull’avversario, poche parole: “L’Empoli al di là della classifica è una signora squadra che recentemente ha messo in difficoltà anche Juventus e Napoli. Si tratta di una squadra temibile e pericolosa che gioca bene a calcio, ma abbiamo l’adrenalina per affrontare ogni sfida: dobbiamo continuare a tenere botta”.
Fonti: La Gazzetta dello Sport e Ansa.