Sport

YOUTUBE Buffon piange e fatica con l’inglese, Conte se la ride

BUFFON-PIANGE-INGLESE

YOUTUBE Buffon piange e fatica con l’inglese, Conte se la ride

LONDRA – Infinito Buffon: sulla soglia dei 40 anni il capitano della Juventus è stato votato il migliore portiere al mondo dell’ultima stagione. Emozionato, l’estremo difensore della nazionale – preferito a Manuel Neuer e Keylor Navas – ha ritirato questa sera il premio a Londra nel corso della cerimonia dei Best FIFA Awards.

“Sono molto felice e orgoglioso di aver ricevuto questo premio alla mia età – le parole di Buffon in un inglese stentato, che hanno fatto sorridere Antonio Conte presente sugli spalti, dopo aver versato lacrime di commozione -. Voglio ringraziare il mio club, il mio allenatore, e i miei compagni perché mi hanno aiutato a vincerlo”.

Ma dopo i ringraziamenti di rito, in inglese, non è mancato l’augurio. A se stesso, ma non solo. Perché da incontentabile quale è, in pochi istanti il portiere bianconero ha archiviato i festeggiamenti per riconnettersi all’attuale stagione.

“L’ultima annata è stata fantastica, ma non abbastanza per vincere in Europa. Spero che quest’anno giocheremo anche meglio, sia con la Juventus che con la nazionale, perché mi piacerebbe chiudere la mia carriera con una grande vittoria”.

Buffon è stato inserito nel miglior 11 della passata stagione, come Leonardo Bonucci, l’altro italiano premiato della serata. Accompagnato a Londra da Massimiliano Mirabelli, in completo nero e sorriso stampato sul volto, il capitano del Milan per una sera ha dimenticato le difficoltà che sta attraversando. Comprese le due giornate di squalifica che lo costringeranno a saltare la partita contro la sua ex Juventus.

Seduto al fianco del suo ex compagno di squadra, Dani Alves, anche lui selezionato nel best XI, Bonucci si è detto “felicissimo e onorato” del riconoscimento. A vincere, per il secondo anno consecutivo, il premio come miglior giocatore al mondo è stato Cristiano Ronaldo.

Protagonista assoluto del triplete del Real Madrid, il portoghese – 45 gol in 48 presenze nell’anno solare – ha battuto la concorrenza di Lionel Messi e Neymar Jr. Un successo, quello dei Blancos, che ha spianato la strada anche a Zinedine Zidane, scelto dai 26mila votanti come miglior allenatore davanti a Antonio Conte e Massimiliano Allegri.

To Top