YOUTUBE Gremio-Pachuca 1-0, la rivincita di Renato Portaluppi

Pubblicato il 12 dicembre 2017 21:40 | Ultimo aggiornamento: 12 dicembre 2017 21:41
gremio-pachuca-highlights

YOUTUBE Gremio-Pachuca 1-0, la rivincita di Renato Portaluppi

AL AIN – Dalla terrificante avventura nella Roma di Dino Viola, cominciata con l’atterraggio a Trigoria in elicottero e finita tra gli sfottò dei tifosi, alla finalissima del Mondiale per club, molto probabilmente contro il Real Madrid. Storie di calcio e di vita targate Renato Portaluppi che a 55 anni è riuscito a conquistare da allenatore il diritto di giocarsi fino all’ultimo alla guida del Gremio il massimo trofeo per club sabato prossimo ad Abu Dhabi.

A far esultare l’ex attaccante giallorosso, ricordato positivamente nella capitale solo per la super prestazione nel ritorno di Coppa Uefa a Norimberga nel lontano ottobre 1988 (1-3 e Roma qualificata), è il velocissimo Everton subentrato dalla panchina e ancora una volta decisivo.

Dopo 90 minuti non esaltanti finiti a reti inviolate ad Al Ain, stadio Hazza bin Zayed (Emirati Arabi Uniti), la prima semifinale del Mondiale per club giocata questa sera vive la sua svolta al quinto minuto del primo tempo supplementare.

Al termine di grandissima giocata, Everton fulmina Perez portando il Gremio in vantaggio: per l’attaccante brasiliano si tratta dell’undicesima rete stagionale, la nona da subentrato. Il match prende improvvisamente quota con occasioni a raffica da una parte e dall’altra fino allo scoccare del minuto 120.

I messicani del Pachuca, che chiudono in 10 uomini e possono recriminare per le azioni non finalizzate da Honda, ce la mettono tutta per arrivare all’1-1 che li porterebbe almeno alla lotteria dei calci di rigore ma il Gremio resiste andando a sua volta vicino al raddoppio sempre con Everton.

Alla fine a festeggiare sono gli uomini allenati da Renato che si prendono una bella soddisfazione dopo il freschissimo trionfo nella Copa Libertadores a fronte di una stagione non proprio esaltante: la squadra di Porto Alegre non l’ha chiusa nel migliore dei modi con il quarto posto in classifica a -10 dal Corinthians.

Ora per chiudere davvero in bellezza una stagione vissuta a due facce, al Gremio non resta che attendere fino a domani per sapere se dovrà affrontare il Real Madrid di Cristiano Ronaldo impegnato nel non certo arduo impegno con l’Al-Jazira nella seconda semifinale.

Video YouTube