YOUTUBE Iniesta addio al Barcellona, undici minuti di ovazione dopo la sua uscita dal campo

di redazione Blitz
Pubblicato il 20 maggio 2018 23:57 | Ultimo aggiornamento: 20 maggio 2018 23:57
YOUTUBE Iniesta addio al Barcellona, undici minuti di ovazione dopo sua uscita dal campo

YOUTUBE Iniesta addio al Barcellona, undici minuti di ovazione dopo la sua uscita dal campo

BARCELLONA – Un intero stadio in lacrime, come raramente si vede in occasione di un evento sportivo. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] A Roma era successo un anno fa in occasione dell’addio di Francesco dopo un quarto di secolo in maglia rossa, questa sera è toccato invece ad Andres Iniesta, alla sua ultima partita in maglia blaugrana dopo 22 anni nel Barcellona.

Lo stadio già prima dell’inizio della partita contro la Real Sociedad ha omaggiato il suo idolo componendo una coreografia da brividi, con i colori del club e il numero 8 e il nome del giocatore che ha chiuso con la squadra della sua vita dopo 32 titoli vinti in 674 partite giocate e 57 gol segnati.

All’81’ il tecnico Ernesto Valverde lo ha richiamato in panchina per sostituirlo con Paco Alcacer e Iniesta prima di uscire è andato ad abbracciare, uno per uno, tutti i compagni. Particolarmente intensa la stretta con Messi e con Busquets. Poi, piangendo, il numero 8 del Barça è uscito mentre il pubblico, gli 85mila del Camp Nou gli tributava un’ovazione da brividi con il canto “”Andrés Iniesta, lorololololo Andrés Iniesta” durato per undici minuti consecutivamente. Moltissimi spettatori erano anche loro in lacrime. La partita con la Real Sociedad è finita 1-0, con rete di Philippe Coutinho.

Ora Iniesta volerà in Giappone, dove nei prossimi giorni verrà presentato dal suo nuovo club, il Vissel Kobe. Lacrime anche al Wanda Metropolitano di Madrid, dove Fernando Torres ha chiuso la sua ‘storia d’amore’ con l’Atletico, club in cui cominciò da bambino, realizzando una doppietta nel 2-2 contro l’Eibar.

Il centravanti si è inginocchiato, ha esultato in mezzo ai tifosi, commossi quanto e più di lui. “E l’addio all’Atletico che avevo sognato”, ha detto l’attaccante che mercoledì scorso ha sollevato al cielo l’Europa League vinta nella finale contro il Marsiglia.

YouTube, Iniesta: undici minuti di ovazione