Zeman “abbatte” Abete: “Non è nemico mio, è nemico del calcio”

Pubblicato il 12 settembre 2012 18:42 | Ultimo aggiornamento: 12 settembre 2012 18:43

Zdenek Zeman (LaPresse)

ROMA – A cena con  lui ci andrebbe ma Zdenek Zeman sul presidente della Federcalcio Giancarlo Abete non cambia idea: ”Non è nemico mio. E’ nemico del calcio”.  Intervistato da Sette, inserto del Corriere della Sera, l’allenatore boemo racconta la sua idea di calcio che, dice, dovrebbe puntare su ”serietà e impegno”. E sull’ambiente calcistico dopo gli scandali aggiunge: ”C’è qualche miglioramento. Ma temo che sia più paura di essere scoperti che per convinzione. Servono più esempi positivi”.

Il calcio per Zeman ”dovrebbe essere semplicita” e sempre riferendosi agli intrighi di palazzo invita a ”vincere dimostrandosi superiori sul campo e non fuori dal campo”. A Massimo Moratti che ha detto di essere stato sul punto di ingaggiarlo Zaman risponde: ”Molte parole. Ma poi bisogna vedere se ci sono le condizioni per lavorare bene. E non parlo di giocatori da acquistare”.

Nell’intervista Zeman non risparmia del tutto neppure il suo club, la Roma, e a proposito delle squadre quotate in borsa  (la Roma è tra queste) spiega: ”Non dovrebbero essere quotate in Borsa. I risultati mi danno ragione. Il calcio deve stare fuori dalla finanza e dalla politica”. E alla domanda con che ‘nemico’ andrebbe a cena, se con il presidente di Federcalcio, Giancarlo Abete risponde lapidario: ”Perche’ no? Abete non è nemico mio. E’ nemico del calcio”.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other