Zverev, la ex compagna: “Ha cercato di soffocarmi con un cuscino”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Novembre 2020 15:42 | Ultimo aggiornamento: 6 Novembre 2020 15:42
zverev ex fidanzata violenze

Zverev, la ex compagna: “Ha cercato di soffocarmi con un cuscino” (foto ANSA)

La ex compagna di Zverev racconta delle presunte violenze subite dal tennista: “Voleva soffocarmi, mi ha umiliata”.

Olga Sharypova, modella e fotografa russa ex fidanzata di Alexander Zverev, racconta di aver subito violenze e maltrattamenti dal tennista.

“Era l’ agosto di un anno fa, eravamo agli Us Open, ho fatto una passeggiata con Dasha Medvedeva (la moglie del tennista Daniil Medvedev) e sono tornata tardi in albergo. Al mio arrivo abbiamo discusso pesantemente, fino a quando lui ha cercato di soffocarmi con un cuscino. Sono scappata scalza in strada. Non è stata l’unica volta che mi ha messo le mani addosso, ma quella volta ho temuto davvero che potesse uccidermi”.

Alexander “Sascha” Zverev, impegnato nel torneo di Parigi-Bercy, rimanda al mittente le accuse: “Io e Olga ci conosciamo da quando eravamo bambini. Davvero non capisco perché ora dica tutte queste falsità”.

Pronta la risposta dell’ex fidanzata: “Se è tutto falso perché mi hanno vista correre scalza per strada? E perché ci sono delle foto che mostrano le mie cose gettate fuori dalla camera d’ albergo? Se sei così coraggioso, rispondi a queste domande”, per poi aggiungere alla Bild: “Nella nostra relazione c’erano troppe pressioni psicologiche. Lui mi diceva di continuo: Non sei nessuno, non hai niente… Io ho soldi e successo. Amavo Sascha e credevo che saremmo riusciti a superare tutto questo. Quando l’ho lasciato non mi sentivo pronta a raccontare tutto, ma ora lo sono e ho scelto di parlare per aiutare altre donne che si trovano nella stessa situazione”.

Altre accuse per Zverev

Le accuse nei confronti del tennista tedesco non si fermano ad Olga Sharypova, ma anche la moglie Brenda Patea, modella tedesca e futura madre di suo figlio, rincara la dose: “Fortunatamente posso crescerlo da sola, non condividerò con Sascha la custodia del bambino”. (fonte GAZZETTA DELLO SPORT)