cosa vuol dire organismo geneticamente modificato, OGM?

Pubblicato il 7 Settembre 2010 23:15 | Ultimo aggiornamento: 7 Settembre 2010 23:15

Un organismo geneticamente modificato (OGM) è un essere vivente che possiede un patrimonio genetico modificato tramite tecniche di ingegneria genetica, che consentono l’aggiunta, l’eliminazione o la modifica di elementi genici. Le mutazioni, che possono interessare una singola base del DNA o anche intere porzioni di cromosomi (inserzioni, traslocazioni, duplicazioni e delezioni), hanno portato nel tempo ad evidenti modifiche fenotipiche negli esseri viventi (si pensi alla diversità tra le varie razze canine). L’uomo, nei secoli, ha sfruttato la variabilità prodotta dalle mutazioni (quale ad esempio l’incapacità di perdere i semi da parte della spiga del frumento) per selezionare e costruire molte razze animali oggi fondamentali per la sua sopravvivenza. Un esempio storico di mutazioni indotte dall’uomo ai fini del miglioramento genetico è rappresentato dalla varietà di frumento “Creso”,.

Gli OGM sono oggi utilizzati principalmente nell’ambito dell’alimentazione, dell’agricoltura, della medicina, della ricerca, e dell’industria