Europei Basket, Pianigiani lancia l’Italia: “Lituania forte ma battibile”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 settembre 2013 18:05 | Ultimo aggiornamento: 18 settembre 2013 18:06
Europei Basket, Pianigiani lancia l'Italia: "Lituania forte ma battibile" (LaPresse)

Europei Basket, Pianigiani lancia l’Italia: “Lituania forte ma battibile” (LaPresse)

ROMA – “Abbiamo la grande opportunità di giocare una partita che appena un mese fa neanche pensavamo di poter disputare”:

piedi per terra ma anche fiducia alle stelle per Simone Pianigiani, ct dell’Italbasket che domani sera cerchera’ il passi per le semifinali agli Europei 2013, avendo pero’ davanti il colosso lituano dei gemelli Ksystof e Darjus Lavrinovic, ma anche degli Nba Motiejunas (Houston) e Valanciunas (Toronto) nonché delle stelle Javtokas, Maciulis, Pocius e soprattutto Kleiza.

L’Italia torna a giocare un quarto di finale in una manifestazione continentale dopo giusto 10 anni (2003) ma la vigilia degli azzurri è serena e lo staff tecnico è al lavoro per preparare la sfida di domani sera che si preannuncia a dir poco durissima.

“Ancor prima di ogni discorso tecnico tattico – analizza Pianigiani – per avere una chance contro i lituani dovremo togliere loro il maggior numero di punti facili e limitarli nei rimbalzi in attacco. Queste sono due chiavi fondamentali per poter rimanere in partita fino alla fine come abbiamo fatto sempre fino ad ora, sconfitte comprese. Nelle 8 partite che abbiamo giocato i ragazzi hanno sempre avuto l’energia per non perdere contatto con l’avversario anche nei momenti peggiori; siamo sempre arrivati alla fine dell’incontro mantenendo alta la presenza mentale e fisica.

Spero – aggiunge Pianigiani – che la squadra riesca a farlo anche domani per poter mettere qualche sassolino negli ingranaggi di una squadra che gioca bene insieme e che ha individualità importanti praticamente in ogni ruolo. Aver vinto contro la Spagna, e in quel modo – e’ la sottolineatura del ct azzurro – ci ha dato tanta fiducia perché dopo la rimonta ci sono riuscite diverse giocate determinanti che invece contro Slovenia e Croazia ci erano mancate. Abbiamo bisogno di vincere partite così e di giocarne il più possibile per abituarci a questi contesti”.

E il ct ripensa alla partita dello scorso 27 agosto, quando i baltici vinsero 79-63 dimostrando di essere nettamente superiori agli azzurri:

“E’ passato un po’ di tempo da allora – dice – e sono cambiate molte cose. Avevamo in campo Mancinelli e Datome non so. Avevamo una consapevolezza diversa anche se ci ricordiamo ancora benissimo i 20 punti presi in contropiede, cosa che dobbiamo assolutamente evitare questa volta. Questo è l’unico precedente di cui teniamo conto perché gli altri (6 sconfitte in 6 partite nelle fasi finali degli Europei per l’Italia contro la Lituania, ndr) non ci interessano minimamente”.

“Tutto partirà dal nostro attacco – conclude Pianigiani – perché in difesa proveremo a resistere e in alcuni casi subiremo ma davanti sarà importante avere la capacità di tenere le nostre caratteristiche contro la loro stazza, che inevitabilmente ci darà fastidio. Dovremo essere bravi a non perdere palloni e a produrre in attacco”.