Rigoletto al Carlo Felice di Genova: la prima va in scena con la pubblicità

di Redazione Blitz
Pubblicato il 16 Novembre 2013 8:13 | Ultimo aggiornamento: 15 Novembre 2013 21:24
Rigoletto al Carlo Felice di Genova: la prima va in scena con la pubblicità

Rigoletto al Carlo Felice di Genova: la prima va in scena con la pubblicità (LaPresse)

GENOVA – La prima del Rigoletto al Teatro Carlo Felice a Genova sarà inaugurata… dalla pubblicità, come scrive Bruno Persano per Repubblica Genova:

“Gli spot fanno capolino tra un tempo e l’altro, ma anche prima e dopo la rappresentazione, come al cinema. Di fronte al difficile bilancio del Teatro Carlo Felice di Genova, la propaganda a pagamento si è imposta come ciambella di salvataggio. E se la solennità del luogo l’aveva finora tenuta lontano, la crisi economica l’ha introdotta senza ripensamenti. Per l’inaugurazione dell’iniziativa è stata scelta una ‘prima’, quella del Rigoletto di Verdi. Sullo schermo sul quale solitamente scorrono le didascalie dei libretti cantati dagli attori, sono apparsi veri e propri minivideo accompagnati da jingle, proprio come accade nei cinematografi.

Sia un’opera lirica, un concerto di musica classica o un balletto, quando il sipario rosso del teatro chiuderà il palcoscenico, dall’alto calerà lo schermo che presto sarà sostituito con uno ancor più grande, a led colorati, una tv-gigantesca sulla quale scorrerà il ‘carosello’ delle pubblicità. Hanno iniziato quattro sponsor: Regione Liguria, una pasticceria che organizza i ricevimenti nel teatro, My Movies, la piattaforma usata dal teatro per diffondere in streaming le opere, e una società genovese di “buoni pasto”, ma con il passaparola, l’amministrazione spera presto di riuscire a vendere gli spazi ad altri e raggranellare un bel po’ quattrini. Un progetto nuovo per Genova e nuovo per i maggiori teatri lirici d’Italia.

Dal Petruzzelli di Bari, al Maggio fiorentino, alla Scala fino al Regio di Torino e al San Carlo di Napoli, nessuno aveva finora dato spazio agli spot, semmai in platea s’era visto qualche qualche logo di sponsor, tutto qui. Ma il bilancio del Carlo Felice è rosso per 4 milioni, gli i “privati” storici si sono ritirati perché per primi loro sono in crisi, e i provvedimenti del ministro alla Cultura Bray ancora non hanno indicato i finanziamenti che saranno distribuiti a Genova”.