Teatro

Week end al teatro con John Malkovich e la regia di Elio Germano

Il debutto alla regia di Elio Germano a Udine e la prima volta da narratore di Giuseppe Ayala alla Versiliana, l’ultima tappa italiana per John Malkovich serial killer a Prato e le coreografie di Bejart a Racconigi con il Tokyo Ballet, lo spumeggiante musical-cabaret degli Oblivion Show a Roma e le meraviglie della costruzione di un Amleto ad Ancona. Sono alcuni degli appuntamenti teatrali dei prossimi sette giorni.

UDINE – Dopo la Palma d’oro a Cannes, Elio Germano debutta nella regia teatrale. Accade al Mittelfest di Cividale del Friuli (17-25 luglio), festival di prosa, musica, danza e arti dei paesi della Mittleuropa, che il 20 luglio ospita nella Chiesa di San Francesco la prima assoluta di ‘Thom Pain’ (‘Basato sul niente’), monologo scritto da Will Eno, che vede Germano nella doppia veste di regista e mattatore. Il testo, finalista al Pulitzer Teatro e al Fringe Award nel 2005 e destinato ad un’ampia tournee autunnale, è ”un gioco di prestigio teatrale” con ”un antieroe solitario, narratore, amante tormentato, pazzo, esistenzialista, comico, caustico, poeta, filosofo, canaglia, seduttore, ottimista ferito e pessimista speranzoso” che permetterà a Germano di esprimere tutta la sua versatilità.

PRATO – Ultima tappa italiana per la star di Hollywood John Malkovich, venerdì eccezionale protagonista di ‘The Infernal Comedy: confessioni di un serial killer’ a Prato, la città dove ha scelto anche di aprire il suo negozio di abbigliamento, l’Opificio JM. In scena in piazza del Duomo, ‘The Infernal Comedy’ è una commedia in musica per orchestra barocca, due soprano e un attore, scritta da Michael Sturminger. Malkovich interpreta Jack Unterweger, ”brillante Don Giovanni, seduttore di donne e famigerato assassino”, morto suicida a 42 anni dopo esser stato condannato per undici omicidi.

MARINA DI PIETRASANTA (LUCCA) – A quasi vent’anni dalle stragi di Capaci e via d’Amelio, il magistrato Giuseppe Ayala sale sul palcoscenico della Versiliana, per la prima volta protagonista di un monologo teatrale: ‘Chi ha paura muore ogni giorno – I miei anni con Falcone e Borsellino’, tratto dal suo omonimo libro pubblicato da Mondadori. Lo spettacolo è diviso in tre parti: gli anni di amicizia e lavoro con i due magistrati dell’antimafia, il maxiprocesso a Cosa Nostra che si concluse nell’87 e un dialogo diretto con il pubblico.

RACCONIGI (CUNEO)- L’universo coreografico di Maurice Bejart debutta ‘a corte’ con Il Regio a Racconigi, rassegna dedicata ai grandi nomi della danza contemporanea. Sabato e domenica, il Tokyo Ballet porterà alle Serre Reali un trittico dedicato al maestro francese della Rudra (di cui è stato da sempre l’interprete più accreditato in Oriente.): Danses Grecques su musiche di Mikis Theodorakis, Don Giovanni musicato da un diciassettenne Chopin sul tema dell’opera di Mozart e Le Sacre du Printemps da Stravinskij. 

ROMA – Nati tra Youtube e Facebook, ma oggi applauditissimi sui palcoscenici di tutta Italia, il fenomeno ‘Oblivion Show’ approda al Festival di Villa Doria Pamphilj (I concerti nel parco, fino al 31 luglio) con il musical-cabaret fatto di parodie, montaggi musicali, gags e l’irresistibile riduzione dei ‘Promessi Sposi in 10 minuti’, ormai un vero cult su internet. La regia è di Gioele Dix.

ANCONA – Il debutto, in prima nazionale, sarà solo il 30 luglio al Teatro Studio alla Mole. Ma il nuovo ‘Amleto’ prodotto dallo Stabile delle Marche e affidato alla Compagnia Belteatro è già in scena per il pubblico grazie al progetto Occhio indiscreto, che ogni giorno fino al 28 lugio offre trenta minuti di prove aperte a tutti gli appassionati. Un modo diverso per avvicinasi al teatro e per scoprire come si mette in scena il più celebre capolavoro shakespeariano. La regia è di Valentina Rosati. Protagonisti, tutti giovani attori: Gabriele Portoghese, Luca Marinelli, Barbara Ronchi, Francesco Ferriera, Silvia D’Amico. Fino al 18 luglio, dal 23 al 28 e dal 30 al 4 agosto.

To Top