A Raccontare Comincia Tu, Fiorello: “Mio padre morì quando ero a Sanremo”

di Filippo Limoncelli
Pubblicato il 5 aprile 2019 12:27 | Ultimo aggiornamento: 5 aprile 2019 12:27
fiorello raffaella carrà

A raccontare comincia tu, Fiorello: “Mio padre morì quando ero a Sanremo”

ROMA – Fiorello, primo ospite di Raffaella Carrà a “A raccontare comincia tu”, diverte ma affronta anche tematiche molto intime mai raccontate prima. La conduttrice riesce a mostrare un Fiorello inedito che rivela sia il suo lato più brillante che alcuni retroscena sui quali non si era mai soffermato prima.

“Ero un ragazzo di bottega, andavo a vendere la lattuga. Mi facevo 50 km con l’ape per andare a comprare la lattuga per poi tornare ad Augusta e vendere. Prendevo 300 lire al giorno, ma ero felice, ero ricco. Lì ho imparato molto”.

La svolta però è venuta poco dopo, quando iniziò a fare l’animatore e con l’imitazione proprio della Carrà conquistò tutti: “Quella sera c’erano i miei genitori in platea. Mi vestono da Raffaella Carrà, i miei erano allibiti. Avevo la parrucca, con le gambe da calciatore e ho cantato ‘Ballo, ballo, ballo’. Alla fine dell’esibizione mio padre disse a mia madre: “Quello è tuo figlio!“.

La morte del padre, notizia appresa lontano da casa, lo ha sconvolto: “Tremendo. Ero a Sanremo, chiamavo a casa e nessuno rispondeva. Quando un parente mi disse: ‘Tuo padre è stato male’, avevo già capito tutto e ho risposto: ‘Quando è morto?’. Dopo sono partito per dare la notizia a mio fratello, Beppe, che lavorava in Valle d’Aosta. Parto di notte, da solo, in macchina e gli racconto quello che era successo“.

Il conduttore si commuove a parlare di Bibi Ballandi, il produttore scomparso lo scorso anno. “Qua mi fai emozionare“, ha confessato con gli occhi lucidi, “con lui ho fatto Stasera pago io!“, il programma diventato un cult della tv italiana. (fonte RAI PLAY)