Adua Del Vesco: “La Madonna di Lourdes mi ha aiutato a sconfiggere l’anoressia”

di Filippo Limoncelli
Pubblicato il 26 febbraio 2019 14:41 | Ultimo aggiornamento: 26 febbraio 2019 14:41
adua del vesco anoressia

Adua Del Vesco: “La Madonna di Lourdes mi ha aiutato a sconfiggere l’anoressia”

ROMA – L’attrice Adua Del Vesco, all’anagrafe Rosalina Cannavò, è finita al centro della cronaca rosa per aver aver avuto una relazione con Gabriel Garko. In un’intervista sull’ultimo numero di Grand Hotel, la 25enne di Messina ha confessato di aver sofferto a lungo di anoressia. A farla cadere nel baratro della malattia è stata la sua smania di perfezione.

L’attrice, infatti, ha raccontato di aver cominciato a contare le calorie di ogni cibo che consumava, diminuendone via via la quantità. “Se all’inizio mangiavo 80 grammi di pasta, con il tempo sono arrivata a 40, poi a 20, fino a eliminarla del tutto. E lo stesso facevo con carne, pesce e verdure”, ha confidato.

Nel suo racconto ha spiegato di aver avuto bisogno di molto tempo prima di prendere coscienza delle sue condizioni e della sua malattia. A farle aprire gli occhi è stato il suo amico e produttore Teodosio Losito, morto lo scorso gennaio: “Fu il primo ad accorgersi della mia malattia e tentò di aiutarmi in ogni modo, ma ormai ero vittima dell’anoressia”. Per risalire uscire dal baratro della disperazione fisica e psichica, Adua ha fatto affidamento alla preghiera.

“Quando mi hanno fatto capire che avevo un problema era troppo tardi”. Sembrava davvero che fosse troppo tardi per l’ex compagna di Gabriel Garko. Poi ha scoperto la pienezza della preghiera, che l’ha salvata. “Quando ho capito che ero alla fine, mi sono chiusa in casa sei mesi a pregare la Madonna. E lei mi ha ascoltata”.

“Sono scappata da Roma. Ho preso una casa in affitto in Sicilia e mi ci sono chiusa dentro. Nemmeno i miei genitori sapevano che fossi lì“, ha rivelato. Quindi ha spiegato: “Chiusa tra quelle mura, mi sono rivolta alla Madonna di Lourdes, di cui la mia famiglia è da sempre devota. E grazie alla serenità che mi veniva da quella preghiera piano piano ho iniziato ad accettarmi e, soprattutto, a mangiare”.

Fonte: Grand Hotel