Aida Yespica, il fidanzato Giuseppe Lama: “Non voglio fare la figura del cornuto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 23 novembre 2017 9:10 | Ultimo aggiornamento: 23 novembre 2017 9:10
aida-yespica

Aida Yespica, il fidanzato Giuseppe Lama: “Non voglio fare la figura del cornuto”

ROMA – Intervistato dal settimanale Chi, Giuseppe Lama ha parlato del bacio della fidanzata Aida Yespica a Jeremias Rodriguez.

Dopo quel bacio che Aida si sarebbe scambiata con Jeremias la notte di Halloween, Giuseppe Lama non è più tanto tranquillo della sua relazione con la modella venezuelana. Intervistato dal settimanale Chi, l’imprenditore rivela: “Sono malinconico, ma reattivo. Devo essere onesto, devo accettare che la mia ragazza è scivolata durante una serata allegra. Chi di noi non sbaglia? Certo, io in questi mesi sono stato un monaco di clausura, non le ho mancato di rispetto. Ma dentro la casa tutto cambia. Per questo, quando ho capito che si stava perdendo, le ho fatto recapitare un biglietto, il nostro bracciale, il mio dolore. Doveva sbattere per capire l’errore”.

L’imprenditore, infatti, ha fatto arrivare alla sua compagna il loro braccialetto con un biglietto: “I gesti valgono più di mille parole. Hai mancato di rispetto a me e alla nostra storia”. Ma proprio queste parole e questo braccialetto – secondo Lama – sono stati la molla che hanno fatto capire ad Aida Yespica che stava sbagliando con Jeremias: “Ho capito che la mia ‘peste’ era tornata di nuovo ‘Aida’ – dice -. Sembra strano, ma in quattro mesi abbiamo creato un rapporto che forse si crea durante anni e anni. Conosco la sua famiglia, lei la mia. Siamo andati di corsa verso l’amore”.

“Quella sera avevo finito di lavorare – rivela -. Stavo guardando la diretta e mi sono addormentato. Improvvisamente il mio cellulare scoppia: messaggi, telefonate, di tutto. Tutti avevano visto la scena della tenda. Accedo la tv e vedo il suo sguardo. Era brilla. Leggevo l’errore nei suoi occhi. Mi ha mancato di rispetto. La gente di riflesso mi ferma per strada e la figura del cornuto non la voglio fare”.