Che tempo che fa, Allegri attacca ancora Adani: “Critica ma non è ferrato”

di Andrea Pelagatti
Pubblicato il 28 aprile 2019 23:20 | Ultimo aggiornamento: 28 aprile 2019 23:21
Che tempo che fa, Allegri attacca ancora Adani: "Critica ma non è ferrato"

Che tempo che fa, Allegri attacca ancora Adani: “Critica ma non è ferrato” (qui il fermo immagine della lite su Sky Sport)

MILANO – Il giorno dopo la lite furiosa tra Massimiliano Allegri e Daniele Adani nel post partita di Inter-Juventus su Sky Sport, la polemica è alimentata da altre dichiarazioni rilasciate dall’allenatore bianconero durante “Che tempo che fa”, programma televisivo condotto da Fabio Fazio su Rai 1. Allegri è stato l’ospite d’onore di Fazio e tra le altre cose ha parlato anche del diverbio con Adani andandoci giù pesante: «Critica ma non è ferrato».

Che tempo che fa, Allegri: “Bisogna rispettare il lavoro degli altri”.

 “Mi sono arrabbiato ieri, oggi sono calmo”: così Massimiliano Allegri ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa” torna sulla lite di ieri con Daniele Adani nel dopopartita della sfida con la Juve. Le sue dichiarazioni sono riportate dall’Ansa sul suo sito internet.

“E’ una questione di rispetto del lavoro – spiega Allegri riferendosi al battibecco con l’opinionista di Sky impegnato questa sera in Torino-Lazio – dopo una partita normale ma non mi va ogni volta di sentire la ramanzina. Mi sono arrabbiato perché io accetto le critiche, posso piacere o non piacere ma andare a discutere del lavoro altrui quando non si è ferrati no, non è giusto. Che poi – dice ancora Allegri – l’anno scorso è successa la stessa cosa con l’Inter, dopo il 2-3 di Higuain. Non scrivo niente, però mi ricordo”.

“Se resto? L’abbiamo già detto. Rimango alla Juventus! Ho ancora un anno di contratto, poi col presidente ci incontreremo”. Così l’allenatore bianconero Massimiliano Allegri ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa” su Raiuno. Rispondendo ai complimenti, Allegri, ridendo sottolinea: “Con cinque giornate di anticipo? Sì, siamo andati in vacanza un po’ prima. Era meglio se non ci andavamo, perché la Champions ci è rimasta un po’ di traverso. Però lo sport è bello anche perché si devono celebrare le vittorie e accettare le sconfitte perché non si può sempre vincere”.

 “La Champions è una competizione così, è difficile – sottolinea Allegri – Ci sono squadre che a vincere hanno impiegato tanti anni. Qualcuno dirà che la Juve non vince la Coppa da 23 anni ed è vero, però negli ultimi 5 anni il livello europeo della squadra si è alzato notevolmente”.
Fonte: Ansa e “Che tempo che fa”, programma televisivo di Rai 1.