Angela Chianello a Live Non è la d’Urso: “Mio figlio è morto”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 Ottobre 2020 12:39 | Ultimo aggiornamento: 12 Ottobre 2020 12:39
angela chianello live non è la d'urso

Angela Chianello a Live Non è la d’Urso: “Ho perso mio figlio”

Angela Chianello, famosa sul web per il “Non ce n’è di coviddi”, torna a Live Non è al d’Urso dove ha parlato della morte del figlio e dei suoi problemi con la giustizia. 

“Ho rubato per mio figlio”, scoppia in lacrime Angela Chianello nel salotto di Barbara d’Urso di Live Non è la d’Urso.

La Chianello, diventata famosa per il suo “Non ce n’è coviddi“, racconta di aver perso suo figlio.

“Non parlava e non camminava”, dichiara la donna che racconta delle patologie di cui era affetto suo figlio scomparso all’età di 21 anni.

“Io per lui ho rubato in un negozio, non accettavo che morisse”.

Angela fa intendere di aver avuto anche dei problemi economici e di essere stata aiutata molto dalla sua famiglia.

“Mio padre aveva provveduto al suo funerale, gli aveva comprato tutto: io come madre – racconta – non mi sentivo nulla per non aver contribuito al funerale di mio figlio. Sono andata a commettere un reato, ed è giusto che abbia pagato”, aggiunge la donna.

I problemi con la giustizia

Angela Mondello era già stata ospite di Barbara d’Urso, ma la prima volta fu in collegamento.

In quella occasione non aveva potuto raggiungere lo studio della D’Urso per problemi con la giustizia.

“Spieghiamo bene, tu non sei qui in studio per un motivo che racconteremo poi. Presto sarai qui con me – aveva spiegato la conduttrice -. C’è un motivo ben preciso per il quale tu devi stare in casa, non è semplice. Io mi sono sentita al telefono con te una decina di giorni fa per chiederti se volevi venire da me”. 

“Mi hai detto delle cose, il perché non potevi venire a Milano. Hai una storia particolarissima. Tu hai avuto una vita molto strana e dolorosa. Hai delle cose da dire, ma lo faremo quando potrai venire in studio. Dobbiamo dire il motivo per il quale non puoi essere con me. Raccontiamolo, perché noi le bugie non le diciamo, tu non puoi lasciare la Sicilia”. (fonte LIVE NON E’ LA D’URSO)