Giannini batte Floris: 2,5 mln a 755 mila. DiMartedì anche sotto media La7

di Redazione Blitz
Pubblicato il 17 settembre 2014 11:00 | Ultimo aggiornamento: 17 settembre 2014 13:18
Ballarò di Massimo Giannini batte Floris: 11.8% di share contro il 3.5%

Ballarò di Massimo Giannini batte Floris: 11.8% di share contro il 3.5%

ROMA – Ballarò di Massimo Giannini batte DiMartedì di Giovanni Floris. 11% contro 3%, 2milioni e mezzo di spettatori contro appena 755mila. Non solo, l’ex vicedirettore di Repubblica ha anche sconfitto un veterano come Bruno Vespa (fermo a 519mila spettatori). Vespa però è andato in onda solo in seconda serata, mentre gli altri due programmi sono cominciati in prima serata (anche se poi sono proseguiti in fascia Porta a Porta)

Ballarò ha registrato uno share dell’11,76%, con ben 2 milioni 503 mila spettatori. DiMartedì di Giovanni Floris si è fermato al 3,47%, con 755 mila spettatori.

Una differenza decisamente marcata che elegge Ballarò a vincitore della sfida del martedì sera tra Rai e La7. Un doppio flop per Floris, che oltre ad essere battuto da Giannini ha anche ottenuto uno share inferiore alla media degli altri programmi in prima serata su La7, che normalmente si attestato intorno al 4%, 0,5% in più di quanto ottenuto dall’ex conduttore di Ballarò. Al contrario, Giannini è rimasto in linea con la media di Rai3 per quella fascia oraria.

Giannini batte anche Bruno Vespa, con Porta a Porta che si è fermato ad uno share del 7,30%  un totale di 519mila spettatori. Nonostante Giannini abbia battuto sia Vespa che Floris, il suo esordio è al di sotto della media di Ballarò, che nell’ultima stagione era già in calo di ascolti ma si assestava su una media del 13% di share.