Banfi: “Napolitano affezionato al mio nonno Libero, mi ha detto ‘Rifallo'”

Pubblicato il 18 Novembre 2011 18:56 | Ultimo aggiornamento: 18 Novembre 2011 18:59

PERUGIA, 18 NOV – Anche il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, e' affezionato al noto personaggio interpretato da Lino Banfi, nonno Libero: ''Mi ha chiesto di rifarlo – ha detto oggi Banfi a Perugia – e questo mi riempie di orgoglio''.

L'attore e' il protagonista della rassegna Primo piano sull'autore, che si svolge ad Assisi ma prevede un passaggio anche nella sede dell'Universita' per stranieri di Perugia. E cosi' Banfi si e' misurato questo pomeriggio con un pubblico giovane che e' abituato a vederlo nei panni del tenero nonno Libero del Medico in famiglia, piuttosto che da protagonista di innumerevoli commedie sexy del periodo 70-80.

Quel Banfi caratterista, oggetto di critiche generalmente severe, e' stato con il tempo rivalutato e certo oggi la sua immagine e' quella di un grande professionista dall'immensa esperienza e dall'indubbio talento, se e' vero che in 50 anni di carriera ha saputo passare indenne, anzi accrescendo la sua popolarita', attraverso cabaret, cinema, teatro, televisione, riuscendo perfino a impegnarsi come attivo ambasciatore e testimonial dell'Unicef.

I ragazzi della Stranieri hanno accolto questo ''uomo normale dai mille volti'', come recita il titolo della rassegna a lui dedicata, con l'affetto che si deve ad una persona di casa, e sul viso di tutti si e' stampato, al suo arrivo in aula magna, un largo sorriso. Ma Banfi stesso ha spiegato che in fondo una delle sue piu' grandi soddisfazioni professionali e' stata la scoperta di poter essere non solo un attore comico ma anche un interprete di ruoli seri e perfino commoventi. Quella che lui chiama ''metamorfosi banfiota''. A partire da nonno Libero, ruolo che per lui e' importantissimo: ''sono in simbiosi con lui – dice – ed il fatto che anche il presidente Napolitano abbia chiesto di rifarlo mi riempie di orgoglio''.

All'universita', spiega, si trova a suo agio per aver fatto tanti ruoli ''didattici, da bidello a preside'' e anche per aver ricevuto negli ultimi anni due lauree ad honorem. Si gode l'attenzione attuale dei critici per i suoi vecchi film (''mai lo avrei immaginato'') e sottolinea che ''in fondo erano film puliti, considerando le tante docce delle belle donne che vi si vedevano''. Banfi non rinuncia a guardare al mondo del calcio di oggi con l'occhio di Oronzo Cana', il mitico ''allenatore nel pallone'', a cui non piacciono il clima litigioso e gli scandali, e che resta fedele al modulo del 5-5-5, ovvero giocare in quindici. Farebbe volentieri, dice, uno spot per rasserenare gli animi, come una volta gli aveva chiesto Antonio Matarrese, suo corregionale.

Con i ragazzi ricorda con piacere i vecchi colleghi, a partire da Montagnani, fino ai piu' grandi come Sordi e Manfredi, e soprattutto quel modo di fare cinema in cui si improvvisava molto, e tanto era lasciato all'estro degli attori. Non rinuncia alle gag nemmeno in una aula universitaria e dispensa buonumore. Del resto, anche i ragazzi della Stranieri erano li' per questo.