Barbara Palombelli e l’adozione di Serena e Monica: “Il padre biologico era un violento. Alle bambine urlò…”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 30 aprile 2019 14:04 | Ultimo aggiornamento: 30 aprile 2019 14:04
Barbara Palombelli e l'adozione di Serena e Monica: "Il padre biologico era un violento. Alle bambine urlò..." (foto Ansa)

Barbara Palombelli e l’adozione di Serena e Monica: “Il padre biologico era un violento. Alle bambine urlò…” (foto Ansa)

ROMA – Il Corriere della Sera ha pubblicato un’anticipazione del libro di Barbara Palombelli, una autobiografia, in uscita il prossimo 14 maggio. E nel libro la Palombelli, giornalista , conduttrice e moglie di Francesco Rutelli, parla anche dell’adozione di Serena, ora al “Grande Fratello” e della sorella Monica:

“Già salire sulla mia macchina a loro sembra una festa – racconta nel libro la Palombelli -. Le loro risposte sono commoventi e agghiaccianti allo stesso tempo: hanno dieci e sette anni, ma non hanno mai festeggiato un compleanno, mai un Natale in famiglia, mai visto il mare, mai un film, mai un ascensore, mai uscite con il buio, mai frequentato un fast food, mai fatto uno sport”.

“Il loro padre che non era in carcere continuava a vagabondare. Le ultime parole che aveva pronunciato all’indirizzo delle suore e che le bambine avevano sentito benissimo erano state gridate: ‘Un giorno tornerò e vi ucciderò tutte’. Ogni tanto Serena continuava a chiedermi: ‘Non è che un giorno ci trova?‘”.

L’uomo non è mai riuscito a trovarle ed è morto poi di tubercolosi. “La storia va tenuta segreta, segretissima. Il padre biologico, un uomo violento e pericoloso, allora girava ancora per la città. Potremmo incontrarlo, lui o uno dei suoi amici malavitosi, le ragazze ne hanno il terrore. Non devono uscire foto sui giornali, nessuno deve sapere”, scrive la Palombelli, riferendosi ai primi tempi in cui lei e Rutelli iniziarono a relazionarsi con le due sorelle, superando gli ostacoli della burocrazia:

“Io non sono ancora nessuno, per le piccole. Francesco sfida alle elezioni politiche Silvio Berlusconi e io combatto per non essere come minimo arrestata per sottrazione di minori. Guido pianissimo, quando sono con loro cerco di essere prudente come mai. Sono stati mesi terribili – ricorda -: portare in giro due ragazzine che non hanno il tuo cognome e senza un pezzo di carta che ti autorizzi è un’impresa durissima. E rischiosa: in caso di incidente, di allergia o di una banale infezione, i genitori biologici — all’epoca ancora titolari della patria potestà, incredibilmente non decaduta dopo anni di abbandono e di istituto — avrebbero potuto rivalersi su di noi”.