Sanremo, il cda Rai: no a Bella Ciao e Giovinezza al Festival

Pubblicato il 4 Novembre 2010 14:25 | Ultimo aggiornamento: 4 Novembre 2010 14:25

Gianni Morandi

Il consiglio d’amministrazione della Rai ha detto no a canzoni come Bella Ciao o Giovinezza cantate a Sanremo. Ieri l’annuncio del conduttore Morandi e del direttore artistico Mazzi sulle due canzoni, inserite in una serata speciale (il 17 febbraio) per celebrare i 150 anni dell’Unità d’Italia.

Le due canzoni, l’una simbolo della lotta partigiana, l’altra del Ventennio fascista, hanno destato polemiche per la loro collocazione in un programma nazional-popolare come Sanremo. L’associazione partigiani ha detto, per bocca del presidente  Raimondo Ricci: ”Bella Ciao è legata alla Resistenza, Giovinezza è un inno fascista. E’ veramente intollerabile che si cerchi di alterare la storia d’Italia in questo modo, con un’equiparazione tra fascismo e antifascismo”.

Incredulo il segretario del Pd Pier Luigi Bersani: “Ma siete sicuri? Non ci credo, non è possibile…se fosse vero dovrebbero vedersela con noi”.

Di segno opposto il commento di Francesco Storace, leader de La Destra: “E’ difficile comprendere le note stonate su Giovinezza. E’ così bella… Credo sarebbe un tonificante anche per l’Auditel”.