Beppe Vessicchio al Festival di Sanremo: dirigerà Elio e le storie Tese e Biondi

di Redazione Blitz
Pubblicato il 27 dicembre 2017 20:33 | Ultimo aggiornamento: 27 dicembre 2017 20:33
beppe-vessicchio

Beppe Vessicchio al Festival di Sanremo: dirigerà Elio e le storie Tese e Biondi

ROMA – Beppe Vessicchio salirà sul palco del Festival di Sanremo per dirigere Elio e le storie Tese, Mario Biondi e una nuova proposta. Se in molti già temevano una sua nuova assenza al festival canoro del 2018, con tanto di campagne sui social network per richiedere la sua presenza, ecco che diversi artisti si sono fatti avanti e lo hanno scelto come direttore per le loro performance.

Maria Volpe sul Corriere della Sera scrive che il Maestro ha raccontato come è arrivato a calcare il palco di Sanremo per questa edizione:

“Un equivoco ha fatto credere che il Maestro anche quest’anno non avrebbe partecipato alla kermesse canora che l’ha visto protagonista tanti anni, ma il pericolo è stato sventato. Racconta Vessicchio: «Claudio Baglioni (direttore artistico e conduttore del Festival, dal 6 al 10 febbraio) ha dato i nomi sabato sera (16 dicembre) e il lunedì successivo mi hanno chiesto: “Andrà a Sanremo?”. Ho risposto che era un po’ presto e che nelle settimane a venire avrei saputo rispondere . Anzi, ho proprio detto: “Se mi chiamano, ci vado. Se non mi chiamano , sparisco. Non voglio trovarmi come l’anno scorso nel mezzo di una questione e di un polverone creato da altri»”.

Vessicchio non ha particolarmente apprezzato la solidarietà dei social network dello scorso anno quando fu lanciata una petizione su Change.org e gli fu dedicato un hashtag #uscitevessicchio per la sua assenza da Sanremo e ha spiegato:

“«Infatti, dopo qualche giorno dal famoso sabato, mi arrivarono due gradite chiamate. La prima della Sony per conto di Mario Biondi con cui ho già lavorato, la seconda da parte di Elio e le Storie Tese. E francamente, soprattutto questa chiamata, me l’aspettavo perché ho seguito Elio in tutte le sue escursioni sanremesi, a partire dalla Terra dei cachi. Quindi, come vede, avevo ragione. Chiamarmi due giorni dopo l’uscita del cast era presto per avere certezze. Le telefonate degli artisti arrivano dopo un po’. Anzi, per la precisione, ne è arrivata anche una terza da parte di una ragazza nella sezione Giovani. Mi ha cercato e volentieri la seguirò». Tutto è bene quel che finisce bene. Il maestro sornione, colto e simpatico, con la splendida ironia partenopea sarà di nuovo sul palco dell’Ariston”.