Caduta Libera, nuove accuse a Gerry Scotti: “Parla troppo e fa domande ridicole”

di redazione Blitz
Pubblicato il 24 Ottobre 2019 23:07 | Ultimo aggiornamento: 24 Ottobre 2019 23:07
Gerry Scotti (foto Facebook)

Gerry Scotti (foto Facebook)

ROMA – Gerry Scotti di nuovo nel mirino dei telespettatori. Il conduttore di Caduta Libera, il game show in onda su Canale 5, è stato infatti accusato sui social di parlare troppo creando molta confusione sia ai concorrenti in gara che per il pubblico da casa. Qualcuno infatti, dopo aver visto una delle ultime puntate, ha scritto: “Non puoi parlare meno e far giocare di più? Fai dei monologhi ormai”.

E le critiche non finiscono qui. In gara attualmente c’è Gabriele Giorgio, un ragazzo di 33 anni anni residente a Pesaro. Il giovane e in carica da circa una trentina di puntate: molti però credono che venga in un certo senso aiutato a restare là grazie a domande molto semplici. 

Ecco alcuni commenti comparsi su Facebook: “Questo campione sara’pure bravo ma….qualcosa mi dice che avete adottato una nuova strategia di gioco..quella di portare avanti solo uno o due campioni per tutta la durata del programma e questo mi fa pensare che certe risposte quasi impossibili non le può sapere ma…sento odore di aiutini! Comunque fatto sta non si può vedere sempre la stessa persona.MI HA STUFATO!”

“Caro Gerry sei uno dei miei presentatori preferiti ma con questo campione è stato toccato il fondo! Il campione non sa mettere una parola sull’altra e, mi dispiace, ma non credo sia farina del suo sacco le risposte che da… oppure gli fate domande facilissime e agli sfidanti spesso fate domande impossibili!”

La ‘cultura’ di questo raccomandato si basa solo ed esclusivamente su quello che ha imparato facendo le parole crociate (sicuramente guardando le soluzioni), per tutto il resto nebbia fittissima”.

“Domanda al ‘campione’: in inglese è south, in italiano? Domanda allo sfidante: stato della’asia che ottenne l’indipendenza dalla Gran Bretagna nel 1946. La prossima volta chiedete al “campione” di che colore era il cavallo bianco di Napoleone…”

Insomma per Gabriele non si ripropone la stessa notorietà che ha accompagnato il “campione dei record” Nicolò Scalfi, il ragazzo bresciano di solo vent’anni che ha fatto conoscere al pubblico la sua bravura e buona dose di fortuna che l’ha accompagnato durante la partecipazione a Caduta Libra.  

Fonte: Facebook, Caduta Libera