Champions League, niente match sulla Rai il mercoledì. Sky non molla i diritti, giudice gli dà ragione

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Giugno 2019 13:49 | Ultimo aggiornamento: 27 Giugno 2019 13:49
Champions League, niente match sulla Rai il mercoledì. Sky non molla i diritti, giudice gli dà ragione

Champions League, niente match sulla Rai il mercoledì. Sky non molla i diritti, giudice gli dà ragione

ROMA – Il tribunale ha dato ragione a Sky nella controversia che la oppone alla Rai sull’opzione a esercitare i diritti televisivi per la trasmissione delle partite di Champion League. Significa, in attesa del ricorso urgente, che al momento la tv pubblica non potrà trasmettere il match del mercoledì in chiaro della prossima edizione.

Questo era l’accordo valevole l’anno scorso: come noto, Sky si era aggiudicata per 900 milioni i diritti televisivi per il triennio 2018-21, prima di accordarsi con la Rai per cederle il diritto a trasmettere una partita in chiaro il mercoledì, più semifinali finale Supercoppa europea e Gran Premio d’Italia di Formula 1 con opzione per l’anno successivo per 40 milioni di euro.

Ora il casus belli della controversia è proprio l’opzione: Sky, contratto alla mano, sostiene che sarebbe stata automatica solo nel caso le condizioni di offerta relativa ai diritti legati ai campionati fosse rimasta la stessa, cosa che non è accaduta (le tre partite di campionato a settimana a Dazn) come peraltro stabilito da recenti pronunciamenti Antitrust (offerta del pacchetto Sky Calcio “modificata e significativamente ridimensionata”). 

5 x 1000

Quindi nessuna speranza per vedere in chiaro almeno un match il mercoledì? Non esattamente: è prevedibile l’apertura di un tavolo negoziale. E, in ogni caso, c’è Mediaset alla finestra. (fonte Il Sole 24 Ore)