Ciao Darwin, Paolo Bonolis e le adozioni: “Perché i gay no e le suore sì?”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 24 marzo 2019 11:46 | Ultimo aggiornamento: 24 marzo 2019 11:46
Ciao Darwin, Paolo Bonolis e le adozioni: "Perché i gay no e le suore sì?"

Ciao Darwin, Paolo Bonolis e le adozioni: “Perché i gay no e le suore sì?”

ROMA –  “Perché i gay no e le suore sì?”. Nella puntata di ieri sera Ciao Darwin condotto da Paolo Bonolis, si sono scontrate le squadre del “Family Day” e del “Gay Pride”. La prima era “capeggiata” da Giuseppe Povia, mentre la seconda era guidata da Vladimir Luxuria. Durante la puntata Bonolis si è detto a favore delle adozioni per le coppie gay. “Perché i gay non possono mentre le suore sì?”, si è chiesto il presentatore.

Paolo Bonolis ha deciso di prendere posizione a favore delle unioni civili e della stepchild-adoption. “Io generalmente non mi schiero – ha detto il padrone di casa – non mi schiero e lascio che le persone parlino. Però certe volte delle domande me le faccio pure io. Qui stiamo parlando di amore nei confronti dei bambini – ha continuato – i bambini hanno diritto all’amore. Ci mancherebbe altro che l’amore non possa provenire da un uomo e da una donna, per l’amore del cielo. Però mi domando – ha, infine, concluso – perché l’amore non può provenire da due uomini o da due donne e invece può essere dato da sette suore? Perché no? Questa domanda me la faccio sempre”. Considerazioni personali che hanno spaccato il popolo del web. (Fonte Ciao Darwin).