Claudio Santamaria chi è: dove e quando è nato, età, carriera, moglie Francesca Barra, figli

di Redazione Blitz
Pubblicato il 18 Gennaio 2022 20:25 | Ultimo aggiornamento: 18 Gennaio 2022 19:14
Claudio Santamaria chi è: dove e quando è nato, età, carriera, moglie Francesca Barra, figli

Claudio Santamaria chi è: dove e quando è nato, età, carriera, moglie Francesca Barra, figli (foto Ansa)

L’attore Claudio Santamaria questa sera, martedì 18 gennaio, sarò l’ospite de I Soliti Ignoti.

Dove e quando è nato, età, altezza e biografia di Claudio Santamaria

Claudio Santamaria, nome completo Claudio Santamaria Ferraro, è nato a Roma il 22 luglio 1974. Ha 47 anni ed è del segno zodiacale del Cancro. Santamaria è un attore (nel 2016 ha vinto il David di Donatello per il miglior protagonista nel film Lo chiamavano Jeeg Robot) è anche un doppiatore italiano.

Claudio Santamaria nasce e cresce a Roma nel quartiere Prati. Suo padre è romano, sua madre di Senise in provincia di Potenza. Si diploma al liceo artistico e per un breve periodo lavora nel doppiaggio prima di avviare gli studi al corso triennale di Acting Training tenuto da Beatrice Bracco. Dopo un tentativo non riuscito di essere ammesso all’Accademia, il suo debutto sul palcoscenico arriva con La nostra città diretto da Stefano Molinari. In teatro recita nella compagnia Area Teatro a fianco di Paola Cortellesi.

L’esordio al cinema

Il suo esordio al cinema e del 1997  con Fuochi d’artificio di Leonardo Pieraccioni. Appare poi nell’opera prima di Gabriele Muccino Ecco fatto, nel film di Marco Risi L’ultimo capodanno e L’assedio di Bernardo Bertolucci. L’affermazione vera e propria arriva in Almost blue e L’ultimo bacio per cui riceve anche una candidatura al David di Donatello.

Nel 2002 interpreta il ruolo di Pentothal in Paz! di Renato De Maria, ricevendo una candidatura ai Nastri d’argento. Partecipa poi a  Passato prossimo di Maria Sole Tognazzi per cui riceve un’altra candidatura ai Nastri d’argento.

Nel 2003 lavora come protagonista nel cortometraggio Rosso, per il quale collabora alla sceneggiatura e la regia. Accanto a Licia Maglietta partecipa a Agata e la tempesta di Silvio Soldini nel doppio ruolo di Nico e Arturo. Dopo il fortunato Ma quando arrivano le ragazze? di Pupi Avati, il suo successo in sala si consolida definitivamente con Romanzo criminale di Michele Placido, film incentrato sulle vicende della Banda della Magliana.

Nel 2006 prende parte a Casino Royale, il 21esimo film della serie su James Bond. Successivamente lavora e canta nella fiction tv Rino Gaetano – Ma il cielo è sempre più blu.  Alla fine di febbraio 2008 è il protagonista del film Fine pena mai accanto a Valentina Cervi, nel quale interpreta un boss della Sacra Corona Unita.

Prende parte anche a tre videoclip, per gli Üstmamò, Umberto Tozzi ed Irene Grandi. Nel gennaio del 2008  canta ed interpreta Il pendolo, singolo di traino del nuovo album degli Equ. Viene scelto per presentare il Concerto del Primo Maggio 2008. Nel 2009 partecipa anche alla realizzazione dell’album Back In Gum Palace dei Mammooth.

La carriera come doppiatore

Claudio Santamaria svolge anche l’attività di doppiatore. Tra gli attori doppiati vi sono Christian Bale nella trilogia cinematografica di Batman diretti da Christopher Nolan, e Eric Bana in Munich di Steven Spielberg. Torna a doppiare il personaggio di Batman, questa volta in versione Lego in tre film d’animazione. Seguono altre esperienze anche nel mondo degli audiolibri tra cui la trilogia Millennium di Stieg Larsson per Emons-Marsilio. 

Sanremo

Durante il Festival di Sanremo 2009, nella serata di mercoledì 18 febbraio ricorre il compleanno del cantautore genovese Fabrizio De André. Insieme alla P.F.M. e Stefano Accorsi, Santamaria canta la celebre canzone Bocca di Rosa. 

Nel Festival di Sanremo 2014 è ospite della seconda serata. Qui, legge una lettera di Alberto Manzi che interpreta nella miniserie Non è mai troppo tardi in onda su Rai 1 pochi giorni dopo il festival.

A  Sanremo 2021 si esibisce invece come ballerino nella seconda serata insieme a sua moglie Francesca Barra durante una performance di Achille Lauro. 

Il successo di Lo chiamavano Jeeg Robot e Freak Out

Nel 2015 interpreta il film diretto da Ermanno Olmi in Torneranno i prati sulla prima guerra mondiale. L’8 ottobre 2015 è su Rai 1 con la commedia sentimentale È arrivata la felicità con Claudia Pandolfi. Nel 2016 è il protagonista di Lo chiamavano Jeeg Robot. Grazie a questo film viene nominato come miglior attore protagonista ai David di Donatello vincendo il premio.

Nel 2019 lavora nuovamente con il regista Premio Oscar Gabriele Salvatores nel film Tutto il mio folle amore.

Nel 2020 esce in sala Gli anni più belli, film di Gabriele Muccino in cui Santamaria recita assieme a Pierfrancesco Favino, Kim Rossi Stuart e Micaela Ramazzotti. Sempre nel 2020 partecipa come concorrente al programma Celebrity Hunted: Caccia all’uomo in onda su Prime Video.

Oggi, 28 ottobre, Santamaria è in sala con Frreak Out. Nel film, l’attore romano si prepara alla più grande trasformazione della propria carriera diventando l’Uomo Lupo. Il regista della pellicola è lo stesso che lo ha trasformato in Jeeg Robot: Gabriele Mainetti.

Figli, ex compagna, Francesca Barra, matrimonio e vita privata di Claudio Santamaria

Prima della relazione con la giornalista Francesca Barra con cui si è sposato, Santamaria è stato legato a un’altra donna, Delfina Delettrez Fendi. Si tratta dell’erede di uno dei più grandi marchi del made in Italy: Fendi. Dal loro amore è nata Emma nel 2007: all’epoca, la Fendi aveva solo 20 anni.

In una recente intervista, Delfina racconta di essere legata a Santamaria come ad un cordone ombelicale. I due hanno un “amore fraterno” e passano ancora qualche weekend insieme con la figlia Emma.

Il matrimonio con Francesca Barra e il loro primo figlio

Nel 2018, Santamaria si è sposato con la giornalista Francesca Barra. Il matrimonio si è svolto a Policoro in Basilicata, la città di lei. I due hanno ora annunciato che presto avranno il loro primo figlio. Qualche anno fa, la coppia ha vissuto un brutto momento ricordato recentemente proprio da Claudio in un’intervista a Vanity Fair. “Avrei voluto un figlio con Francesca da subito. Abbiamo avuto una grande sfortuna (si riferisce all’aborto del 2019, ndr) e ora una grande fortuna”.