Daniela Martani: “Non lo faccio da un anno. Ormai sono diventata asessuata”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 2 marzo 2019 17:35 | Ultimo aggiornamento: 2 marzo 2019 17:35
Daniela Martani: "Non lo faccio un anno. Ormai sono diventata asessuata"

Daniela Martani: “Non lo faccio da un anno. Ormai sono diventata asessuata”

ROMA – A La Zanzara su Radio 24 Daniela Martani ha parlato del topo salvato in Germania, dell’ippopotamo di Gianluca Vacchi, della sua storia con l’imprenditore e della sua vita sotto le lenzuola. “Vi faccio una confidenza. Non so cosa mi è successo, ma io non sono più attratta dal sesso. Sono quasi asessuale. Non mi interessa più. Se il sesso è legato al sentimento, ad una relazione stabile, ok. Non mi attrae l’organo genitale maschile. Non mi fa eccitare l’idea di un p*** grosso.  Mi fa più eccitare l’idea di una cena romantica, poi magari succede anche quello. Da quanto tempo non lo faccio? Da un anno circa”.

Quindi parla di Vacchi e dell’ippopotamo. “Per me è una follia assoluta. E’ un animale selvatico che non può stare nel giardino di una casa. Non è che puoi affittarti l’ippopotamo perché ti devi fare la foto da figo da mettere su Instagram. E’ una follia assoluta. Io conosco Gianluca, è uno anche molto simpatico, ma quando arriva a questi eccessi è da condannare. E’ uno annoiato e megalomane. Il punto è che l’ippopotamo non dovrebbe stare in Italia. Non è un animale nostro, autoctono. Dovrebbe stare in Africa, l’ha affittato da un circo. E’ chiaro, quindi non esiste tu faccia una cosa del genere. Questa è megalomania”.

Quindi la Martani parla del topo salvato in Germania: “In Germania hanno fatto bene a salvare quel topo, perché il topo ha diritto di vivere come noi. Voi parlate perché non siete topi. Ma chi l’ha detto che vanno uccisi? Per quale motivo? Allora tutti quelli che noi riteniamo inferiori dovrebbero essere eliminati? Perché voi considerate gli animali esseri inferiori”.

“Se di notte mi ritrovo un topo in camera che cosa faccio? Lo faccio uscire. Come? Lo prendo, lo metto dentro una scatola e lo faccio uscire. Per quale motivo devi tirargli una scopata, se puoi salvargli la vita tranquillamente mettendolo in una scatola e facendolo uscire?  Ma voi avete visto la faccia del topo incastrato che faccia sofferente aveva, poverino? Se mi ritrovo un animale in casa, anche uno scarafaggio, lo prendo e lo porto fuori. E se non ci riesco? Si riesce sempre, ve l’assicuro”.

Fonte La Zanzara.