Detto Fatto, nel 2017 con Caterina Balivo stessa scena: “Seduzione al supermercato”. Nessuno disse niente

di Redazione Blitz
Pubblicato il 26 Novembre 2020 12:58 | Ultimo aggiornamento: 26 Novembre 2020 12:58
Detto Fatto, nel 2017 con Caterina Balivo stessa scena: "Seduzione al supermercato". Nessuno disse niente

Detto Fatto, nel 2017 con Caterina Balivo stessa scena: “Seduzione al supermercato”. Nessuno disse niente

Detto Fatto, nel 2017 con Caterina Balivo stessa scena: “Seduzione al supermercato”. Nessuno disse niente.

Tre anni fa a Detto Fatto andò in onda la stessa scena della spesa sexy, quella volta si parlò di “seduzione al supermercato” e in studio non c’era ancora Bianca Guaccero a condurre, bensì Caterina Balivo. Il copione più o meno era lo stesso, con una donna che con il carrello si muoveva sinuosamente tra gli scaffali, però all’epoca nessuno disse niente.

Prima che la pole dancer Emily Angelillo spiegasse alle donne come fare la spesa con tacchi e minigonna, ancheggiando con il carrello, anche la pin up trainer Micaela Marinis fece qualcosa di simile. Ospite durante la gestione di Caterina Balivo (era il 3 ottobre 2017), aveva suggerito al pubblico femminile dei trucchi per non rinunciare alla sensualità nemmeno al supermercato. O in palestra, tra gli attrezzi ginnici (puntata del 28 novembre 2017).

Come mai nessuno disse niente in quell’occasione?

Ci sono diversi aspetti che forse fecero passere quella scenetta in sordina, o meglio, lontana dalle polemiche. Innanzitutto non fu fatta in ricorrenza della giornata mondiale contro la violenza sulle donne. Poi, particolare da non sottovalutare, in studio c’era il pubblico. Ragion per cui tra risate e applausi il tutto sembrava meno penoso e più, diciamo, vissuto e quindi meno surreale. 

C’è poi anche la questione del tono dato alla scenetta della spesa sexy. In quel caso era palesemente comica, con anche un attore maschile a fare da “contraltare” alla cosa. Si rideva e si dibatteva sulla seduzione al supermercato insomma.

Nel caso di martedì scorso invece quella che avrebbe dovuto essere una scenetta “comica” come anni fa, complice l’assenza di pubblico e di una componente maschile, è sembrato proprio un tutorial. Qualcosa preso sul serio sia da chi lo ha fatto e scritto e sia dal pubblica da casa… Ecco perché oggi se n’è parlato tanto e altre volte no. (Fonte Davide Maggio).