DiMartedì, Alessandro Giuli ad Elsa Fornero: “Lady Spread”. E Carlo Calenda: “Hai fatto una gran cafonata”

di redazione Blitz
Pubblicato il 5 giugno 2019 10:19 | Ultimo aggiornamento: 5 giugno 2019 10:19
DiMartedì, Alessandro Giuli ad Elsa Fornero: "Lady Spread". E Carlo Calenda: "Hai fatto una gran cafonata"

DiMartedì, Alessandro Giuli ad Elsa Fornero: “Lady Spread”. E Carlo Calenda: “Hai fatto una gran cafonata”

ROMA – Duro scontro tra l’europarlamentare del Pd Carlo Calenda e il giornalista de Il Foglio Alessandro Giuli nello studio di DiMartedì, il programma di La7 condotto da Giovanni Floris. 

Si parla della flat tax proposta dalla Lega, Giuli la difende e attacca l’ex ministro del Lavoro Elsa Fornero, in collegamento, che sulla tassa piatta è molto scettica. 

“Io ricordo che quando governava lei con Monti eravate tutti simpaticissimi, non c’era nessun antipatico, ma se non c’era Mario Draghi a dire che qualunque cosa accadesse, sarebbe intervenuto lui col bazooka per far calare lo spread, l’Italia era già a gambe all’aria. Lady Spread è lei. La Fornero è Lady Spread”, ha sbottato il giornalista, incassando gli applausi del pubblico, mentre Fornero tentava invano di replicare. 

5 x 1000

Pochi minuti dopo su quelle parole è intervenuto Calenda, che ha stigmatizzato Giuli per quell’appellativo demagogico: “Flat tax? Siamo alla decima trasmissione in cui parla di questo e non sappiamo ancora come sarà la flat tax. Caro Giuli, già questo la dice lunga sulla serietà del governo, perché è facile urlare a posteriori ‘Lady Spread’ alla signora che ha preso il provvedimento più impopolare della storia dell’Italia. Te lo dico con grande franchezza: hai fatto una grande cafonata”.

E l’ex ministro dello Sviluppo economico non si ferma: “Lo dico al pubblico che prima ha applaudito con così grande verve. Noi ci siamo autoassolti perché per 30 anni abbiamo speso quello che non potevamo”. E quando Giuli tenta di domandare: “Ma noi chi?”, Calenda risponde: “Silenzio! Sto finendo”, e dà del fascista al giornalista. 

A quel punto interviene Floris che dice: “Calenda, ci penso io a farlo stare zitto. Ma non si possono usare questi metodi”. E Giuli ribatte a Calenda: “Chi sei, un gappista? Tira fuori la tessera dell’Anpi”. (Fonte: DiMartedì)