Domenica Live, Daniela Del Secco contro tutti. Maria Monsè le regala un velo e lei…

di Redazione Blitz
Pubblicato il 12 novembre 2018 6:30 | Ultimo aggiornamento: 11 novembre 2018 20:50
A Domenica Live, Daniela Del Secco contro tutti. Maria Monsè le regala un velo e lei...

Domenica Live, Daniela Del Secco contro tutti. Maria Monsè le regala un velo e lei…

ROMA – A Domenica Live è Daniela Del Secco contro tutti. La sedicente Marchesa d’Aragona si è sottoposto alla macchina della verità, macchina che ha stabilito che non è nobile. Maria Monsè è arrivata addirittura con un ironico dono per la sua ex amica diventata ormai acerrima rivale: “Questo è un velo, te l’ho regalato così potrai nasconderti ogni volta che dirai una bugia”. La replica della Del Secco: “Queste zanzare continuano a infastidire le mie nobili orecchie”, dice mentre lavora a maglia ignorando completamente la sua interlocutrice.

Dopo la Monsè è stato il turno di Riccardo Signoretti, noto giornalista di gossip che ha attaccato la Del Secco, accusandola di aver sfruttato la sua presunta nobiltà per scrivere su riviste da lui dirette.

“Ridammi indietro i soldi. Quella rubrica, sul mio giornale, te l’ho data perché ti spacciavi per Marchesa. Al Grande Fratello non sarebbe mai entrata da plebea. Ha rubato il posto a qualche altro vip. Quella che si deve vergognare sei tu. Chiedi scusa. Falsa. Vigliacca.

Io non ho parlato dei tuoi defunti. Non ho toccato la dignità di tuo padre. Non è una calunni . Tu ti vergogni dei tuoi genitori perché li disegni come dei nobili. Hai raccontato di avere tre lauree, il corso di Estetologia non vale una mazza. Hai fatto un corso che non rilascia alcun titolo legale. Quando vai in televisione a fare la pagliaccia al Grande Fratello, la sede giusta è la televisione non le aule giudiziarie.

Mi leccavi i piedi per venire alle cene a casa mia con Barbara D’Urso. Io ti ho tolto dal mio giornale. Vergognati delle tue bugie. E’ entrata nella mia vita diventando mia amica. Ha tradito me, i lettori ed il mio giornale. Con il mio lavoro non puoi giocare. Vergognati e resta chiusa nel tuo camerino. Non ti perdonerò mai”.