Enzo Paolo Turchi in lacrime a Io e te: “Ero poverissimo, a sei anni pulivo una bisca per 20 lire”

di redazione Blitz
Pubblicato il 27 Luglio 2020 16:06 | Ultimo aggiornamento: 27 Luglio 2020 16:06
Paolo Enzo Turchi, foto Ansa

Enzo Paolo Turchi (nella foto d’archivio dell’Ansa con la moglie Carmer Russo) in lacrime a Io e te: “Ero poverissimo, a sei anni pulivo una bisca per 20 lire”

Enzo Paolo Turchi in lacrime a Io e Te: “A sei anni ero povero e guadagnavo soldi pulendo una bisca”.

Enzo Paolo Turchi e la moglie Carmen Russo ospiti da Pierluigi Diaco raccontano degli esordi della loro carriera.

Il ballerino e coreografo racconta un aspetto molto triste della sua infanzia che fa commuovere Pierluigi Diaco.

Tutto cominica con un filmato a loro dedicato che racconta gli esordi della coppia.

I due momenti molti tristi nell’infanzia del coreografo

Poi Enzo Paolo Turchi rivela due momenti molto duri della sua vita: la morte di due sorelle (che però lui non ha mai conosciuto) e l’estrema povertà dell’infanzia che lo ha costretto ad andare a lavorare a sei anni. 

Racconta il coreografo:

“Sono morte due sorelline una a 18 mesi e una a 11 anni, ma io non ero ancora nato”.

“I miei genitori hanno vissuto una cosa tremenda. Mi ricordo che mio padre andò via e mia madre con la testa, purtroppo, non ci stava più. Poi mia sorella Fulvia che era più grande andò a lavorare fuori”.

Prosegue Enzo Paolo Turchi:

“Sono nato nei Quartieri Spagnoli. Si usciva al mattino per poter fare qualcosa e guadagnare qualche soldo per poter comprare un panino”.

A sei o sette anni pulivo una bisca e guadagnavo 20 lire. A casa non c’era la luce e mi ricordo una situazione tristissima ma bellissima”.

“Nel quartiere eravamo tutti poveri. Mi ricordo che c’era una signora che si prostituiva e con i soldi che guadagnava faceva la spesa per tutti. Mia madre, poi, a sei anni mi iscrisse al San Carlo di Napoli e mi ha cambiato la vita” (fonte: Leggo).