Equitalia contro Luca Laurenti: gli pignorano sei appartamenti

Pubblicato il 26 gennaio 2012 8:50 | Ultimo aggiornamento: 26 gennaio 2012 8:54
Luca Laurenti e Paolo Bonolis

(LaPresse)

MILANO – Luca Laurenti, da anni spalla del conduttore Paolo Bonolis, rischia grosso: lo showman si è visto pignorare da Equitalia sei appartamenti in zona corso Buenos Aires per un contenzioso con l’agenzia delle Entrate, appartamenti con un valore di circa 5 milioni di euro. Il periodo interessato va dal 2000 al 2005, durante il quale Laurenti ha dichiarato correttamente le tasse ma non ha versato la somma dovuta: a monte di questo mancato versamento, c’è la contestazione dell’imposta regionale per le attività produttive Irap (tassa prevista per i liberi professionisti e prevista per studi di avvocati e commercialisti) in un contenzioso avviato da lui e dalla moglie, Raffaella Ferrari, fin dal 2007, che trascinandosi fino a oggi ha fatto lievitare in modo iperbolico la somma.

La tesi sostenuta dai legali della coppia, risultata perdente nel primo grado di giudizio, è che l’imposta regionale per le attività produttive prevista per i liberi professionisti non riguardi l’attività di Laurenti perché non dispone di un’organizzazione professionale — composta da segretarie, uffici e tutto il resto — come quelle su cui si reggono gli studi degli avvocati o dei commercialisti. Nel giro di un paio di settimane ci sarà la decisione d’appello sulla causa.

Nel mirino di Equitalia ci sono cinque monolocali in via Tadino e un appartamento in via Vittorio Veneto. Non figura, invece, l’appartamento su due piani di viale Tunisia per il quale, sempre nel 2007, Laurenti ha già sborsato 54mila euro al fisco.

5 x 1000