L’Eredità, Carlo Conti al Maurizio Costanzo Show: “Sostituire Frizzi il momento più duro della carriera”

di redazione Blitz
Pubblicato il 12 aprile 2019 1:02 | Ultimo aggiornamento: 12 aprile 2019 1:02
L'Eredità, Carlo Conti al Maurizio Costanzo Show Sostituire Frizzi il momento più duro della carriera11

L’Eredità, Carlo Conti al Maurizio Costanzo Show (Ansa)

ROMA – Uno dei momenti più duri della mia carriera è quando sono tornato a condurre L’Eredità dopo la morte di Fabrizio Frizzi. L’ho detto perché me lo sentivo. Quello è stato un momento veramente duro”. Con queste parole Carlo Conti ricorda il collega Fabrizio Frizzi durante lo speciale Maurizio Costanzo Show in onda in tarda serata oggi, giovedì 11 aprile. 

Conti è ospite da Costanzo insieme a Paolo Bonolis e Gerry Scotti. I tre conduttori re del piccolo schermo raccontano 40 anni di carriera a testa con la loro collezione a due cifre di Telegatti e Oscar Tv.  Anche Scotti, nelle anticipazioni diffuse dall’Ansa (la trasmissione è stata registrata circa tre giorni prima ndr) ha voluto ricordare Fabrzio Frizzi: “Se il titolo fosse stato ‘I quattro moschettieri’, avrebbe dovuto esserci anche Fabrizio Frizzi”.

I tre, per una sera sono eccezionalmente insieme, sono i protagonisti della puntata n. 4438 del Maurizio Costanzo Show su Canale 5. Accanto a loro, sul palco c’è anche Enrico Mentana.

Ad accomunare i tre una carriera di successi, la popolarità ottenuta soprattutto (ma non solo) con i quiz pre-Tg e anche un’amicizia che sembra valicare gli studi tv. ”Con le donne? Sopra i 70 anni sono inarrivabile. Prima ce la battiamo”, ride Gerry Scotti. ”Io a Mediaset? I matrimoni si fanno in due – risponde Conti a Costanzo – Quando ti trovi bene, perché cambiare? Finché tutte e due le parti si vogliono bene si resta insieme. Sanremo, no, ancora non si sa”. ”Io non lo rifarei. Bisognerebbe contemporaneizzarlo nella sede”, risponde invece Bonolis. ”A me, non l’hanno mai chiesto”, ammette Scotti.

Tanti gli amici a raccontare aneddoti e salutare i tre. In video, ecco Pippo Baudo, Antonella Clerici, Silvia Toffanin, Leonardo Pieraccioni e Giorgio Panariello grandi amici di Carlo Conti, Michelle Hunziker, che da lunedì tornerà con Scotti a condurre a Striscia la notizia. Sul palco invece Gabriella Germani alias Lilli Gruber, Luca Laurenti con Bonolis in esilarante medley romanesco, Linus e Rudy Zerbi conduttore di un quiz musicale e tanti altri.

”Il programma che più mi ha emozionato condurre? Forse il Gioco dei 9, perché lo presi ‘chiavi in mano’ da Vianello e durante le puntate nacque mio figlio”, racconta Scotti mentre scorrono le immagini di Chi vuol essere milionario che gli ha regalato il Guinness record di puntate condotte. ”Noi siamo stati fortunati perché abbiamo fatto la gavetta – dice – Oggi i ragazzi hanno meno pazienza perché con i social possono raccogliere subito milioni di follower”. Curiosamente, in comune con Carlo Conti ha la conduzione de La Corrida, storica trasmissione di Corrado. ”Sarebbe bello riprenderla”, strizza l’occhio. ”Si sente la responsabilità – aggiunge Conti – Quel programma è Corrado, lo devi fare nel rispetto di quel mondo, ma con il tuo stile. Il momento per me più difficile? Non inseguo mai le cose, neanche quando dopo Discoring sono tornato alle tv locali. Però quando ho preso L’eredità dopo la morte di Fabrizio, avrei voluto davvero essere in qualsiasi altra parte del mondo”.

E poi ecco l’umorismo graffiante di Bonolis, tra aneddoti su Sordi e Mike o il papà, trasportatore del burro Gallone. ”Rifarei tutto – dice a Costanzo – Ogni programma è utile per capire dove migliorare. Italiani andò malissimo, ma anche perché dall’altra parte c’era un bellissimo programma di Panariello. A Non è la Rai non facevo nulla, ma alla guerra si partecipa anche guardando il bidone della benzina”. Un erede? ”Spero di condurre ancora 2-3 anni”, ride Conti, ma poi i nomi che vengono fuori, per tutti e tre, sono gli stessi: ”Alessandro Cattelan e Federico Russo”.

Foto e fonte: Ansa