Pomeriggio Cinque, Emma Bonino: “Salvini vuole chiudere i cannabis shop? Un regalo alla mafia”

di redazione Blitz
Pubblicato il 22 Maggio 2019 9:08 | Ultimo aggiornamento: 22 Maggio 2019 9:08
Pomeriggio Cinque, Emma Bonino: "Salvini vuole chiudere i cannabis shop? Un regalo alla mafia"

Pomeriggio Cinque, Emma Bonino: “Salvini vuole chiudere i cannabis shop? Un regalo alla mafia”

ROMA  –  “Salvini chiude i canapa shop? Farebbe un regalo alla mafia e alla criminalità. Se è questo l’obiettivo, io non lo condivido”: con queste parole Emma Bonino, leader di +Europa, ha commentato l’idea del ministro dell’Interno e vicepremier di chiudere i negozi che vendono i derivati della cannabis. 

Ospite di Barbara D’Urso a Pomeriggio Cinque, Bonino ha parlato del quadro politico a pochi giorni dalle elezioni europee del 26 maggio. “I sovranisti penso che possano costituire un gruppo nutrito, capace di sabotare e di rendere la vita parlamentare difficile, ma non sono sicura che riescano a fare un gruppo di sovranisti, perché i sovranisti sono anche nazionalisti. Un pezzo però lo hanno già perso per strada, mi riferisco al vice premier austriaco. Certamente non avranno la maggioranza”.

La leader radicale ha parlato anche di Radio radicale, che rischia di dover chiudere dopo lo stop al rinnovo della concessione governativa: “Visto che l’emendamento per la proroga a Radio radicale è stato dichiarato inammissibile, dobbiamo andare avanti con il sostegno e dobbiamo difenderla, così come dobbiamo difendere altre voci dell’informazione come Avvenire e Il Manifesto”. Bonino ha rivolto un saluto anche a Roberto Giachetti, in sciopero della fame e della sete proprio per l’emittente: “Sta in sciopero della sete – spiega – per cercare di smuovere ancora di più le acque. Lo sciopero della sete è pesante: grazie Roberto per quello che fai, cerchiamo di farcela tutti insieme”. (Fonte: Ansa)