Eurovision 2019, la finale: Mahmood è 22esimo. Come funziona il sistema di voto

di redazione Blitz
Pubblicato il 17 maggio 2019 10:58 | Ultimo aggiornamento: 17 maggio 2019 10:59
Eurovision 2019, la finale: Mahmood è 22esimo. Come funziona il sistema di voto

Eurovision 2019, la finale: Mahmood è 22esimo. Come funziona il sistema di voto

TEL AVIV – Il nome del vincitore dell’Eurovision Song Contest 2019 si saprà domani, sabato 18 maggio. Nella finale gareggeranno i dieci Paesi qualificatisi durante la prima semifinale, i dieci qualificatisi durante la seconda semifinale e i sei finalisti di diritto (Italia, Francia, Germania, Regno Unito, Spagna e Israele), per un totale di 26 Paesi. Mahmood si esibirà con Soldi per 22esimo, nella seconda parte della serata. 

Ad aprire lo show sarà Malta, con Chameleon di Michela, chiude la Spagna, con La venda di Miki. Contrariamente alle attese, lo slot numero 2, quello considerato maledetto perché nessuno ha mai vinto partendo da lì, è stato riservato all’Albania (Jonida Maliqi con Khteju tokes), mentre alla Germania (S!sters – “Sister”) è toccato il 4.

Ma come funziona il sistema di voto? Attualmente il vincitore dell’Eurovision viene scelto con un sistema di voto posizionale, ovvero le giurie di ogni Paese stilano una propria classifica delle canzoni in gara assegnando dodici punti alla prima classificata, dieci punti alla seconda, e da otto punti fino a un punto per i brani che vanno dal terzo al decimo posto. Possono sedere in giuria solo professionisti dell’industria musicale che non abbiano preso parte a una delle precedenti due edizioni del concorso.

Il voto delle giurie e il televoto hanno un peso del 50% ciascuno sul risultato finale. L’aspetto peculiare è che i Paesi non possono votare per sé stessi, né attraverso la giuria, né attraverso il televoto. Dopo l’esibizione dei 26 cantanti, domani i presentatori del concorso si collegheranno via satellite con ciascun Paese, invitando il portavoce ad annunciare i voti della sua giura. Dopodiché i presentatori annunceranno i punti del televoto, partendo dalla nazione che ha ricevuto il punteggio più basso per arrivare a quella che ha ricevuto il punteggio più alto.

In caso di parità tra due o più Paesi dopo che tutti i punti sono stati annunciati, viene applicata la procedura di spareggio che prevede che prevalga la canzone che ha ricevuto punti dal maggior numero di Paesi. I risultati delle votazioni mettono spesso in evidenza il “block voting”, ovvero lo scambio dei voti più alti fra Paesi geograficamente, culturalmente e politicamente vicini. (Fonte: Agi)