Festival di Sanremo, Antonio Conte: “Noi allenatori uomini soli”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 13 febbraio 2015 22:24 | Ultimo aggiornamento: 13 febbraio 2015 22:56
Festival di Sanremo, Antonio Conte

Antonio Conte al festival

ROMA – Si presenta in abito nero e papillon e regala a Carlo Conti la maglietta della Nazionale numero 65. “E’ l’edizione del festival”, dice uno degli ospiti clou della serata di venerdì del Festival di Sanremo, il ct della Nazionale Antonio Conte.

I due si siedono e parlano di canzoni.  “Se stiamo insieme” di Riccardo Cocciante è la prima scelta da Conte. Canzone che vinse Sanremo nel 1991. Conte la sceglie perché in quell’anno, racconta, “sono diventato grande. Da Lecce sono passato alla Juventus, da solo senza famiglia”.

La seconda canzone è “uomini soli” dei Pooh, perché, spiega Conte “noi allenatori siamo tutti uomini soli”. Conti replica con uno dei luoghi comuni più triti e ritriti: “In Italia siamo tutti allenatori…”

Conte poi sceglie “Si può dare di più” di Umberto Tozzi e la canta insieme a Conti. Meglio da ct che da cantante.

Solo alla fine Conti osa con una domanda un po’ più ostica: “Conte lascia la Nazionale?”. “Assolutamente no”, la risposta. Conte poi prova a congedarsi con un “Forza Italia”. Il conduttore, per eccesso di zelo apolitico, lo copre con un: “No! no!”