Filippo Laganà a Oggi è un altro giorno: “I medici mi hanno salvato la vita”

di Redazione Blitz
Pubblicato il 6 Ottobre 2020 17:54 | Ultimo aggiornamento: 6 Ottobre 2020 17:54
Filippo Laganà a Oggi è un altro giorno: "I medici mi hanno salvato la vita"

Filippo Laganà a Oggi è un altro giorno: “I medici mi hanno salvato la vita”

Filippo Laganà a Oggi è un altro giorno: “I medici mi hanno salvato la vita”.

L’attore romano Rodolfo Laganà e suo figlio Filippo, 26 anni, sono stati ospiti di “Oggi è un altro giorno”.

I due hanno parlato delle loro malattie: Rodolfo convive con la sclerosi multipla, mentre il figlio ha sofferto giovanissimo un trapianto di fegato.

Filippo Laganà racconta quel giorno in cui ha avuto l’attacco.

Si trovava a New York quando all’improvviso ha sentito la pancia gonfiarsi e il volto ingiallirsi. È riuscito a tornare in tempo in Italia.

“Ero a New York – spiega – e mi sono sentito male.

Abbiamo immediatamente capito che era qualcosa di male. Siamo riusciti a rientrare in Italia, ero con la mamma e mi hanno portato in ospedale e lì mi hanno fatto una diagnosi immediata e ho subito un trapianto di fegato”.

Filippo Laganà ha sofferto la malattia di Wilson. Si tratta di un accumulo di rame nel fegato.

“Il mio fegato – spiega – era diventato una pietra, gli organi erano andati in pappa e l’unica alternativa era fare un trapianto.

Non era proprio una passeggiata, ma non ho avuto paura. Non ho mai avuto paura.

Dopo, ho avuto paura. Tre, quattro mesi fa mi sono reso conto di quello che ho superato. Mio nonno, che era un famoso chirurgo, ha salvato la vita alla mamma del medico che mi ha effettuato il trapianto di fegato”.

Le parole di papà Rodolfo

“Mi sono subito reso conto che la cosa era abbastanza seria. A me me l’hanno nascosta la cosa, sanno che sono ansioso, ma in realtà era molto grave. Stimo molto mio figlio, lo stimo per il coraggio e per la dignità con cui ha affrontato la sua malattia”. (Fonte: Oggi è un altro giorno).