Filippo Magnini rinuncia a Pechino Express per il caso doping: “Devo difendermi”

di redazione Blitz
Pubblicato il 15 giugno 2018 14:37 | Ultimo aggiornamento: 15 giugno 2018 15:31
Filippo Magnini rinuncia a Pechino Express per il caso doping: "Devo difendermi"

Filippo Magnini rinuncia a Pechino Express per il caso doping: “Devo difendermi”

ROMA – Filippo Magnini rinuncia a Pechino Express per la vicenda doping che lo vede coinvolto. [App di Blitzquotidiano, gratis, clicca qui,- Ladyblitz clicca qui –Cronaca Oggi, App on Google Play] “Devo difendermi”, ha annunciato il nuotatore.

Magnini avrebbe dovuto partecipare all’adventure game di Rai 2 in coppia insieme alla sorella maggiore Laura, ma ha deciso di non partire per l’Africa, dove inizieranno le riprese settimana prossima.

“A seguito delle note vicende personali che mi vedono coinvolto, con grande dispiacere ho deciso di rinunciare a partecipare alla settima edizione di Pechino Express“, ha fatto sapere il nuotatore, che dovrà presentarsi il 12 luglio alla prima udienza del processo. Proprio quel giorno, se avesse partecipato al reality, l’ex bicampione del mondo dei 100 stile libero si sarebbe trovato in Cina per l’impegno televisivo su Rai 2.

“In questo momento devo concentrare tutte le mie energie per difendermi dalle accuse mosse dalla Procura antidoping per le quali sono già stato assolto dalla giustizia ordinaria. Mi auguro che questa situazione possa risolversi rapidamente, dimostrando la mia totale innocenza”.

La Procura di Nado Italia chiede otto anni di squalifica: Magnini è accusato di tripla violazione del codice Wada per consumo o tentato consumo di sostanze dopanti, favoreggiamento e somministrazione o tentata somministrazione di sostanza vietata.

Privacy Preference Center

Necessari

installato da wordpress di default, non vengono utilizzati in alcun modo

wordpress

Advertising

Analytics

Utilizzati per stimare il traffico del sito

_ga,_gat,_gid,WT

Other