Finale di Grande Fratello: Margherita Zanatta, un vulcano di emozioni

Pubblicato il 18 Aprile 2011 17:37 | Ultimo aggiornamento: 18 Aprile 2011 17:37
margherita_zanatta

Margherita Zanantta

ROMA – Spigliata, frizzante e autoironica. Margherita è forse la concorrente che più di tutti gli altri desiderava partecipare a Grande Fratello. L’urlo liberatorio che ha lanciato quando Alessia Marcuzzi le ha detto, durante la prima puntata, che era una delle concorrenti e il tuffo in piscina, tutta vestita, quando le ha comunicato che era una delle finaliste, ne sono la dimostrazione. 29 anni, di Varese, Margherita vive a Locarno, in Svizzera, dove lavora come speaker radiofonica.

Si è messa in gioco sin dall’inizio, senza remore e senza paure, mostrandosi per quella che realmente è: una ragazza esuberante e fragile allo stesso tempo. Si è esposta tanto in amore quanto in amicizia, con il rischio di ricevere qualche delusione. Come, infatti, è successo. Per Guendalina è stata l’amica che un po’ tutti vogliono avere: sincera, disponibile, affettuosa e, quando necessario, anche dura e severa. E’ stata la sua spalla quando lei ha saputo che Remo, il suo ex compagno e padre di sua figlia Gaia, aspettava un figlio da un’altra donna. Tra le due, però, dopo l’eliminazione di Guendalina, c’è stato qualche attrito, dovuto ad alcuni video di Margherita che Guendalina ha visto una volta uscita dalla Casa e che non ha gradito molto. La delusione più grande, però, Margherita l’ha avuta in amore.

La sua storia con Nando, conosciuto all’interno della Casa, è naufragata pochi giorni dopo l’eliminazione del ragazzo. Prima una lettera d’addio distaccata, senza troppe spiegazioni, poi la scoperta di numerosi tradimenti. Margherita ha sofferto tanto e vano è stato il tentativo di Nando di riconquistarla. La sua fase da “single” all’interno della Casa, però, è durata ben poco: Andrea, con la sua dolcezza, le sue attenzioni e la sua pazienza è riuscito a conquistarla. E chissà che per lei non sia l’uomo perfetto. Certo è che vivrà al suo fianco anche le emozioni che la finale, comunque vada, le regalerà.